16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 07:01:57

News Provincia di Taranto

Vittime del dovere a Leporano, per non dimenticare

foto di Vittime del dovere a Leporano, per non dimenticare
Vittime del dovere a Leporano, per non dimenticare

LEPORANO- Giornata per non dimenticare: inaugurate stele commemorativa e piazza del paese. In una giornata baciata dal ricordo di chi non c’è più essendo stato vittima sul lavoro, nel compimento del proprio dovere e nelle attività di volontariato, Leporano ha inaugurato l’altro giorno una stele commemorativa e la dedicazione di una piazza: per non dimenticare mai. Che la cerimonia fosse andata oltre la semplice commemorazione e gli atti tipici di questi eventi, lo si è capito subito dalla presenza di autorità civili e religiose ai massimi livelli provinciali: dall’arcivescovo della diocesi di Taranto, mons. Filippo Santoro, al questore di Taranto Giuseppe Bellassai, al vice presidente della Provincia di Taranto, Giuseppe Fischetti, alla Giunta e ai consiglieri comunali capeggiati dal sindaco di Leporano, tanto per citarne alcuni.

Il primo cittadino di Leporano Vincenzo Damiano è stato accompagnato, nell’occasione, dall’assessore alla Cultura e Spettacoli sempre di Leporano Iolanda Lotta, vero e proprio deus ex machina della manifestazione. La cerimonia ha visto la presenza anche del Presidente del Comitato Vittime del Lavoro del Dovere e del Volontariato “12 Settembre” artefice di questa idea. Per la forza armata di Marina del Battaglione San Marco è intervenuto il contrammiraglio Luca Anconelli ma, ricordiamo erano presenti altri alti rappresentanti delle Forze armate e autorità che hanno impreziosito l’evento con la loro presenza. Abbiamo ampiamente parlato la volta scorsa di come si sarebbe svolto l’evento che è stato presentato da Nicla Pastore. Segnaliamo solamente che la piazza è stata dedicata a Luigi Delliponti, fuciliere e assaltatore del Battaglione San Marco mentre la stele commemorativa inaugurata è dedicata a tutte le vittime del lavoro, del dovere e del volontariato.

Ma un sentire particolare è andato, come ricorda la stessa Iolanda Lotta, a Francesco Zaccaria perito nella tragedia del crollo della gru all’Ilva di Taranto, a Francesco Ardito della Polfer deceduto nell’incidente del pendolino di Piacenza e di un altro leporanese Paolo D’Abramo, morto anche lui all’Ilva giovanissimo circa 20 anni fa. “Onorati tra l’altro – ha precisato sempre l’assessore Iolanda Lotta – della Corona fatta pervenire dalla Camera del presidente Roberto Fico e dei Telegrammi del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del ministro della Giustizia Marta Cartabia. Un Grazie a tutte le forze armate e tutti gli intervenuti”. Raccogliamo anche una dichiarazione di Maristella Delliponti, sorella del compianto Luigi il militare di marina deceduto e a ,cui è stata dedicata una piazza del paese, che nel ringraziare tutti precisa anche:” …un grazie particolare alla dottoressa Lotta la quale, sin dal primo momento, ha preso a cuore il caso di mio fratello, un concittadino leporanese che ha dato la vita per il suo ideale di Patria.”

Floriano Cartanì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche