16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 10:30:59

News Provincia di Taranto

Patto educativo di comunità, l’incontro a Leporano

foto di Il Castello Muscettola
Il Castello Muscettola

LEPORANO – Per veicolare nel modo più ampio e approfondito il percorso avviato dalle amministrazioni comunali di Leporano, Monteiasi e Montemesola e dalle istituzioni scolastiche operanti nei tre territori comunali Ics Padre Agostino Gemelli – Leporano e Ics Leonardo da Vinci – Monteiasi/Montemesola venerdì 11 giugno, alle ore 18 presso il Salone Margherita del Castello Muscettola di Leporano si terrà un incontro per illustrare al territorio l’avvio del Patto educativo di comunità per la prevenzione e la cura. Il percorso avviato dalle tre amministrazioni e dalle due scuole è iniziato nell’estate del 2020 e si è concretizzato nei primi mesi dell’anno 2021. I patti educativi di comunità discendono direttamente dalle leggi sull’autonomia scolastica art.21 L.54 del 1997 e L.275 del 1999 e sono concretamente attuati prevalentemente nelle regioni centro settentrionali del paese.

L’attuale Ministro della Pubblica Istruzione Patrizio Bianchi, con la sua pluriennale esperienza di assessore alla pubblica istruzione della regione Emilia Romagna, ne è stato il sostenitore sin da quando ha potuto concorrere alla politica ministeriale, nel suo precedente ruolo di presidente del Comitato Tecnico Scientifico di supporto al ministero. Nell’illustrazione del recentissimo Piano Scuola estate 2021 i patti educativi di comunità assumono un ruolo preminente nell’esercizio delle azioni di contrasto alla povertà educativa, nell’arricchimento dei percorsi educativi e didattici delle scuole, aprendo al contributo delle risorse e delle energie presenti nei territori e nell’utilizzo degli apprendimenti informali per migliorare le opportunità di raggiungimento per ciascuno del proprio successo formativo.

L’idea che ha animato le persone promotrici di questa iniziativa scaturisce da anni di consolidata collaborazione scuola, comuni, territori e vuole tracciare un solco nel quale poter proseguire questa collaborazione, garantendone la continuità nell’azione di contrasto alle povertà educative ed il miglioramento dei successi formativi di ciascun alunno. Il sindaco Vincenzo Damiano del Comune di Leporano, il sindaco Cosimo Ciura del Comune di Monteiasi ed il sindaco Ignazio Punzi del Comune di Montemesola hanno accolto subito le sollecitazioni degli assessori alla Pubblica Istruzione Elena Galeone (Leporano), Maristella Sibillio (Monteiasi), Cosma Marangi (Montemesola), supportate negli incontri di lavoro preparatori dal consigliere comunale delegato ai Servizi sociali Danilo Secondo di Leporano, dall’assessore alle Politiche sociali, Giusy Ancora, di Monteiasi, dal vice sindaco Giovanni Aloia e dall’assessore alle Politiche sociali, Pasqua Lupoli, di Montemesola.

Le due scuole ICS Padre Agostino Gemelli Leporano e ICS Leonardo da Vinci dirette dal prof.Vincenzo Tavella sono state validamente supportate in questo percorso dagli psicologi dello Sportello di Ascolto, operante in entrambe le istituzioni scolastiche: dott.Cosimo Marzia e dott.Francesco Paolo Romeo. Al Patto educativo di comunità da attuare per la prevenzione e la cura, rivolto a favore di tutti i componenti delle comunità educanti, danno il loro concreto apporto circa 40 associazioni operanti nei tre territori di riferimento.Il cammino intrapreso fa parte di un più ampio cambiamento, riguardo le nuove modalità di acquisizione della conoscenza, che vede la Scuola non più confinata all’interno degli edifici scolastici ma articolata nelle più ampie e diversificate rappresentazioni culturali presenti nei territori. Le Scuole e le Amministrazioni comunali proseguiranno la loro azione al fine di garantire a tutti gli alunni/cittadini l’uguaglianza delle opportunità in partenza, supportati con entusiasmo dalle tante diversificate competenze dalle associazioni locali.All’incontro sarà possibile partecipare anche in modalità on line collegandosi al webinar https://youtu. be/hRfnYHEuCig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche