19 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Giugno 2021 alle 18:23:13

Cronaca News

SailGp a Taranto, «Anche così cambia il volto della città»

foto di SailGp a Taranto
SailGp a Taranto

“Nelle strade e nelle piazze del Borgo umbertino e dell’Isola di Taranto da qualche giorno il profumo di Mare è più intenso. Scorrono come in un film le belle sequenze di un 2 giugno contrassegnato dalla immagine della Msc Seaside attraccata al molo San Cataldo, attorniata dai colori sgargianti delle vele dei catamarani veloci della tappa italiana del SailGP. I social riportano in tempo reale le immagini dello specchio acqueo prospicente la città affollato come non mai: dai catamarani, dai velisti, dalle canoe. Turisti a passeggio nel centro storico e al lungomare, gente affacciata alla ringhiera del Lungomare Vittorio Emanuele, l’entusiasmo dei tarantini che hanno visto una città finalmente ritornata a vivere è palpabile. I negozi del Borgo domenica 6 resteranno aperti. I bar e i ristoranti finalmente potranno tornare ad accogliere la clientela dei tempi felici, naturalmente mascherine e distanziamento permettendo”.

E’ la ricostruzione del ‘nuovo corso’ della città che fa Confcommercio Taranto. “Stiamo assistendo alla costruzione di una nuova Taranto – commenta Leonardo Giangrande, presidente provinciale di Confcommercio Taranto – e di questo dobbiamo dire grazie all’Amministrazione comunale che sta facendo un buon lavoro e che si sta impegnando per dare concretezza al progetto di una Taranto moderna che vuole risorgere a nuova vita, puntando su uno sviluppo sostenibile, su una diversificazione dei processi di sviluppo economico e sociale. Una Taranto che va in quella stessa direzione che Confcommercio, da oltre un decennio, ha indicato come l’unica alternativa alla mono cultura industriale. ‘Taranto: cambiare si può’, correva l’anno 2013 quando Confcommercio, tra le poche associazioni datoriali locali, invertiva la rotta di una narrazione monocorde del territorio e della sua economia, focalizzata sulla centralità dell’industria. Già in quelli anni Confcommercio Taranto (con il supporto tecnico dello staff della divisione urbanistica di Confcommercio nazionale, guidata allora dall’arch. Angelo Patrizio) avanzava alcune idee progettuali di valorizzazione di contenitori e aree che dovevano aprire la strada ad una città capace di reinventarsi, di puntare su nuovi orizzonti di sviluppo (il mare, la cultura, le produzioni enogastronomiche, il paesaggio), insomma di porre le basi per cambiare il suo futuro.

Allora a Taranto si parlava in un unico coro e con una sola voce, soprattutto in taluni ambienti economico istituzionali che non avevano orecchi per sentire e che si ostinavano a percorrere strade consumate dalle suole delle scarpe di un’ imprenditoria tutt’altro che aperta all’idea di un cambiamento, di una visione diversa di futuro. Gli accadimenti drammatici di questi ultimi anni ci hanno costretti a prendere atto che c’è finalmente una parte importante della città che il cambiamento lo vuole, che dice no alle politiche industrialiste a tutti i costi, anche a costo della vita. Confcommercio Taranto ora sa che non è più sola e che c’è una comunità che rivendica il cambio di passo ed una Amministrazione comunale che si sta impegnando per dare risposte concrete a questo bisogno”.

La BCC San Marzano è partner del Comune di Taranto nel sostegno alla mani festazione internazionale in cui si sfideranno 8 team dei migliori skipper mondiali (di cui 18 atleti olimpionici) a bordo di catamarani F50 alimentati da batterie a ioni litio, in rappresentanza di Australia, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Giappone, Spagna, Nuova Zelanda e Stati Uniti. SailGP per Taranto non è solo sport e competizione ma anche tecnologia verde e sostenibilità marina, grazie alle collaterali iniziative e sessioni interattive dell’Inspire Program. “Il futuro che coniuga innovazione, tecnologia, ambiente, sostenibilità è il tema di fondo di questo appuntamento della Stagione 2 di SailGP, primo ItalySailGrandPrix in assoluto”. Così ha commentato il sostegno alla manifestazione il presidente della BCC San Marzano, Emanuele di Palma.

“Per noi, che siamo da sempre vicini alla nostra comunità di riferimento – ha sottolineato di Palma – SailGP rappresenta l’espressione di una città, anzi di un territorio, che, fondandosi sulla millenaria opportunità del mare, dimostra di sapersi confrontare a livello internazionale, guardando decisamente al futuro. Un futuro che simbolicamente si materializza in questi straordinari catamarani degni della Formula Uno. Abbiamo finalmente l’opportunità di parlare di turismo e di diversificazione – ha ribadito il presidente – in termini di accoglienza, patrimonio storico culturale e paesaggistico. In queste giornate oltre che spettatori possiamo in qualche modo simbolicamente sentirci protagonisti di una svolta generale di questo territorio – ha concluso di Palma – che non nasconde le difficoltà, legate anche alla pesante emergenza sanitaria da cui ci auguriamo di venir fuori definitivamente, ma che intende ripartire dalla propria storia e dalle proprie eccellenze culturali, economiche e sportive muovendosi verso uno sviluppo ecocompatibile e innovativo, in cui il mare è certamente una risorsa da valorizzare”.

Con una serie di access point sul lungomare Vittorio Emanuele III, tra la Rotonda e il Monumento ai Marinai, l’amministrazione Melucci lancia il primo hotspot pubblico per il Wi-Fi libero in città. Contestualmente alla grande manifestazione sportiva, è stata predisposta l’infrastruttura digitale che consentirà di connettersi gratuitamente a internet, anche per seguire dall’app ufficiale la gara tra i catamarani volanti F50 di SailGP. Per usufruire della rete gratuita, nominata “ecosistemataranto”, basterà sceglierla tra quelle disponibili sul proprio dispositivo, accedere alla landing page per ottenere l’autorizzazione e navigare liberamente. «SailGP sarà un’ottima occasione per offrire questo nuovo servizio a cittadini e turisti – le parole dell’assessore allo Sviluppo Economico Fabrizio Manzulli –, è il primo passo verso la sua estensione alle piazze e alle strade più frequentate di Taranto, allineandoci a standard altrove ormai acquisiti. Ringraziamo Fastweb, partner di questo progetto, per aver collaborato efficacemente con l’amministrazione Melucci ». Allestito anche il villaggio Inspire, i giovanissimi appassionati di vela sono al lavoro per assicurare il meglio dell’accoglienza ai loro coetanei da altre parti del globo e dell’Italia per partecipare alle giornate formative e alla piccola regata su miniimbarcazioni RSFeva e Waspzp. Ad allestire lo spazio dedicato all’esperienza Inspire al Molo Sant’Eligio, i dirigenti, i soci e i piccoli atleti di Ondabuena, club ufficiale di supporto dell’iniziativa. Ondabuena per aumentare anche il grado di visibilità dell’evento e contribuire alla diffusione di una immagine positiva della città, nei giorni scorsi ha lanciato il suo contest dedicato a chi fotograferà l’evento ma soprattutto il rapporto di Taranto con il suo mare. Il 5 e 6 giugno, in concomitanza con le gare di SailGP, anche le auto elettriche daranno spettacolo a Taranto: da tutta Italia arriveranno Tesla Model S, Model X e Model 3 e anche veicoli elettrici di altre marche per incontrare i cittadini e sensibilizzare il pubblico verso una mobilità a zero impatto ambientale, ma tutt’altro che noiosa o limitativa. Il raduno è organizzato da Tesla Owners Italia, associazione no profit che attraverso il sito www.teslaclubnews.com e i canali social dal 2017 sostiene e diffonde la volontà di una transizione verso una mobilità più rispettosa dell’ambiente, basata su fonti rinnovabili.

1 Commento
  1. Adriano Strazzeri 2 settimane ago
    Reply

    Naturalmente si può vedere tutto (stand) su prenotazione e dietro pagamento. In compenso sono riuscito a vedere le frecce tricolori, tra un albero e l’altro. Non ci sono state possibilità di pagare il biglietto per entrare. Grazie, mi date la possibilità di commentare la eccellente organizzazione,non è solo il mio parere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche