31 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 30 Luglio 2021 alle 21:23:00

Cronaca News

Il primo infopoint su… calessino

foto di Il primo infopoint tarantino itinerante (foto Pasquale Reo)
Il primo infopoint tarantino itinerante (foto Pasquale Reo)

Nello scenario del suggestivo affaccio panoramico su Mar Piccolo e dell’ex Gambero (che presto ospiterà la sede della Capitaneria di Porto), fra lo strepitio dei numerosi “panarijdde” intenti ai tuffi, ieri mattina sotto la pensilina liberty di piazzale Democrate è stato presentato il primo infopoint mobile in città. Il progetto s’intitola “Taranto Mobile Tourism Office” e si deve a Marco Mazzei, presidente di “Etra Cultura asd ”, che organizza giri in barca, e a Giovanni Cianciaruso, titolare di “Taranto in Calessino”, cui si devono i tour in città con gli Apecar.

Proprio uno di questi mezzi ospiterà il punto informazioni itinerante, che sosterà nei punti turistici più significativi e che costituiscono i primi biglietti da visita per i turisti, quali ad esempio piazza Fontana, piazza Castello e la rotonda del lungomare. Ma non si esclude per il futuro la litoranea. Sono intervenuti il vice sindaco Fabiano Marti e l’assessore al turismo Fabrizio Manzulli che hanno annunciato il patrocinio morale del Comune all’iniziativa. “”Ci siamo ispirati ai caratteristici mezzi dello street food che si vedono in tante città e il nostro Apecar – ha detto Cianciaruso – si prestava molto bene a questo scopo. D’altronde, come recita il nostro slogan, il turismo oggi non è mai stato così smart. Il nostro è un nuovo modo di concepire l’accoglienza, non aspettando che i turisti si rechino agli infopoint (con i quali collaboreremo) ma andando loro incontro.

Oltre a organizzare i tour con i nostri mezzi e a distribuire materiale informativo, ci metteremo a disposizione di tutti gli operatori del settore (guide turistiche, titolari di ristoranti, alberghi e b&b) per proporre le loro attività e servizi, offrendo a chi viene in città un ventaglio di offerte molto vasto per impiegare al meglio il tempo del loro soggiorno”. Tale concetto è stato ribadito da Marco Mazzei, per il quale “ora più che mai nasce l’esigenza di presentare la città nel suo volto più vero e più bello, che in definitiva è quello che migliaia di nostri ospiti hanno potuto ammirare nel corso della SailGp”. “Essendo il nostro un territorio così vasto, che si estende da Lido Azzurro a Marina di Taranto, gli infopoint non sono mai troppi, anzi, dovrebbero essere di più, senza problemi di concorrenza – ha detto il vicesindaco Fabiano Marti – A loro spetta il compito non solo di raccontare la straordinaria bellezza della città, ma di offrire ai turisti la percezione di essere accolti in modo soddisfacente, com’è appunto accaduto durante la grande manifestazione sportiva della scorsa settimana. E’ stato straordinario ammirare una città che finalmente è apparsa unita per raggiungere lo stesso obiettivo, cioè quello di promuovere il territorio. Taranto sta crescendo velocemente nell’ambito turistico e in questa fase così decisiva per il suo futuro c’è bisogno dell’apporto di tutte le sue realtà”.

“Ci apprestiamo a vivere una estate piena di eventi che annunceremo nei prossimi giorni – ha continuato Marti – Prevediamo l’arrivo di tanti turisti, amanti della musica e dello spettacolo e delle tante cose belle che proporremo. A loro dobbiamo far trovare una città accogliente, che sa quello che è e che finalmente riesce a mostrarsi nella sua affascinante realtà, come appunto raccontano i turisti che settimanalmente giungono con la Msc Crociere”. Anche l’assessore Manzulli ha evidenziato i dati incoraggianti derivanti dal crescente sviluppo del turismo, sul quale ha ammesso che c’è ancora da lavorare perchè il settore possa incidere sensibilmente sulla diversificazione economica prefissata. “Stiamo facendo conoscere il nostro territorio attraverso una campagna on line di video storie in quelle nazioni da dove partono i voli diretti per la Puglia, cioè Germania, Francia e Inghilterra. Inoltre stanno andando praticamente in esaurimento le pubblicazioni pocket sulle attrattive della città, in vendita in tutt’Italia. Molto, però, dobbiamo impegnarci per migliorare il trasporto dei turisti nel cosiddetto ‘ultimo miglio’, quello che separa la città dai punti di arrivo, cioè l’aeroporto, il porto e l’autostrada”.

Angelo Diofano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche