27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 12:48:00

Cronaca di Taranto News Provincia di Taranto

«Istituire ospedale veterinario pubblico in ogni provincia»

foto di Un veterinario
Un veterinario

BARI – Istituire un ospedale veterinario pubblico, in ciascuna provincia della Puglia, per garantire assistenza sanitaria agli animali e contrastare i fenomeni del randagismo e dell’abbandono. È, in estrema sintesi, la proposta avanzata da Massimiliano Stellato, tarantino, consigliere regionale e capogruppo dei Popolari con Emiliano, attraverso una mozione presentata in Consiglio regionale. Con un atto politico di impegno, Stellato chiede, attraverso l’Assemblea, al Presidente Emiliano ed alla Giunta di adoperarsi per realizzare, in ognuna delle sei province, un presidio pubblico di assistenza veterinaria, “anche – si legge – attraverso lo strumento amministrativo dell’autofinanziamento”.

“Le cure degli animali – dichiara il consigliere regionale e capogruppo dei Popolari con Emiliano, Masssimiliano Stellato – oggi sono prevalentemente affidate alla libera professione dei veterinari ed a strutture private. Mancano, dunque, presidi sanitari pubblici per i nostri amici a quattro zampe. L’assistenza veterinaria pubblica, oltre a rispondere ad un criterio di equità sociale, è un vero e proprio obiettivo di salute pubblica. Ma non solo. È anche la formula migliore per prevenire l’abbandono degli animali, fenomeno, questo, esploso nell’ultimo anno con l’aggravarsi della crisi economica delle famiglie durante la pandemia. Le cure animali – prosegue il consigliere regionale – non sono comprese nei Lea (livelli essenziali di assistenza) della Puglia e spesso, troppo spesso, non sono accessibili a tutti. Ed a soffrire sono gli animali ed i loro proprietari, spesso inermi. Da qui la necessità, non più rinviabile, che ad occuparsene sia la Regione Puglia, attraverso la costruzione di strutture sanitarie pubbliche. Perché la Puglia – conclude Massimilianmo Stellato – recepisce l’art. 13 del Trattato di Lisbona e riconosce gli animali quali esseri senzienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche