04 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 03 Agosto 2021 alle 06:35:37

foto di L’aula consiliare di Grottaglie
L’aula consiliare di Grottaglie

GROTTAGLIE – Il gruppo consiliare “Grottaglie Domani” per protesta abbandona l’aula poichè l’Amministrazione D’Alò “continua a violare lo statuto e il regolamento del Consiglio comunale umiliando la rappresentanza popolare”. Nella Conferenza dei Capigruppo del 15 giugno scorso, convocata per programmare le sedute del Consiglio Comunale, il presidente del gruppo consiliare “Grottaglie Domani”, Francesco Donatelli, ha denunciato, ancora una volta, la reiterata violazione dello Statuto e del Regolamento del Consiglio Comunale.

“Non si può continuare a subire un atteggiamento prevaricatore da parte del Presidente del Consiglio Comunale e del Sindaco che fanno finta di ignorare l’obbligo di convocare il Consiglio “entro 20 giorni dalla data di avvenuta presentazione della richiesta”- attaccano Francesco Donatelli, Ciro Petrarulo e Antonio Delli Santi, di Grottaglie Domani- richieste presentate da più di tre mesi riguardanti la convocazione del Consiglio Comunale in seduta monotematica per discutere della sospensione Tari per lavoratori in Cigs e Naspi e della situazione dell’Ospedale San Marco di Grottaglie. Ancora più intollerabile è la mancata convocazione del Consiglio Comunale in seduta monotematica aperta ai massimi livelli istituzionali (nazionali e regionali), al management di LeonardoFinmeccanica e alle organizzazioni sindacali per discutere della crisi e del futuro dello Stabilimento Leonardo di Grottaglie decisa unanimemente nel novembre dell’anno scorso. Per questo motivo, in segno di protesta, il gruppo consiliare “Grottaglie Domani” abbandona la seduta e si riserva di valutare quanto si deciderà nella Conferenza dei Capigruppo del 23 giugno convocata per programmare le prossime sedute consiliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche