27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 17:56:00

foto di Ticket sanitari, arriva la svolta
Ticket sanitari, arriva la svolta

“Un provvedimento che tiene conto delle difficoltà economiche delle famiglie in molti casi acuite dalla pandemia e che, allo stesso tempo, efficienta il lavoro della Pubblica Amministrazione”. Così, il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd) commenta la proposta di legge, discussa e approvata oggi in III Commissione Sanità.

Il testo, composto da un solo articolo, stabilisce che “sono automaticamente annullate e stralciate tutte le rivalse per omesso versamento ed omessa compartecipazione alla spesa sanitaria riferite ai ticket dovuti dai cittadini alle Asl per prestazioni sanitarie erogate in Pronto Soccorso non seguite da ricovero o sulla base di un’asserita esenzione non verificata dalle Asl precedentemente al 31 dicembre 2020. La disposizione si applica, inoltre, alle sanzioni previste per la mancata disdetta al 31/12/2020 delle prenotazioni che siano state emesse a carico di coloro i quali sono esonerati per legge dal pagamento del ticket sanitario”.

Il consigliere di maggioranza è firmatario della proposta insieme ai colleghi Perrini, Zullo e altri. “Su questi temi di natura generale – spiega Di Gregorio – le divisioni politiche vanno accantonate in favore dell’interesse collettivo. Prima di essere rappresentanti di singole forze politiche, siamo rappresentanti dei cittadini. Nello specifico, inoltre, questo provvedimento trae origine da una situazione che nei mesi scorsi ha interessato molti utenti della provincia di Taranto”. Pur condividendo del tutto lo spirito della proposta, nel corso del dibattito in Commissione Di Gregorio ha sollevato una questione che attiene i tempi di applicazione del provvedimento. “Bisogna considerare, infatti – fa notare l’esponente del Pd – che le vecchie prenotazioni non riportavano a fine foglio il termine ultimo per la cancellazione come, invece, avviene oggi. Questo tema, probabilmente, costituirà materia di approfondimento nella futura discussione in Consiglio regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche