03 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Agosto 2021 alle 22:56:00

Cronaca News

Intascava la pensione della zia morta da 20 anni

Sequestrati dalla Finanza denaro e beni mobili per 122.000 euro

Le indagini della Guardia di Finanza
La Guardia di Finanza

Una nipote “furbetta” è finita nel mirino della Guardia di Finanza: intascava la pensione della zia morta da circa 20 anni.

I militari della Compagnia di Manduria (provincia di Taranto) hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo per equivalente riguardante beni mobili e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 122 mila euro nei confronti di una 73enne residente a Manduria.

Il provvedimento scaturisce da indagini condotte dalle Fiamme Gialle, con la collaborazione dell’Inps, finalizzate al contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica.

Nel corso dell’attività investigativa i militari hanno accertato che la donna ha continuato a percepire indebitamente la pensione dell’anziana zia, della quale era tutrice, anche successivamente alla sua morte, avvenuta nel lontano 2000.

Non avendo provveduto a comunicare il decesso all’Inps, l’indagata ha indotto in errore l’ente pubblico e ha continuato a ricevere ogni mese l’accredito della pensione su un libretto bancario, fino a quando i finanzieri hanno scoperto il raggiro e hanno attivato le procedure di blocco immediato dell’erogazione delle somme.

La donna è stata denunciata all’autorità giudiziaria per il reato di “indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato”.

L’ importo di 122 mila euro coincide con l’ammontare complessivo delle rate di pensione indebitamente percepite.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche