04 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Agosto 2021 alle 06:24:25

Cronaca News

Responsabilità sanitaria e impatto sul futuro. Il convegno sull’emergenza covid

foto di Emergenza Coronavirus
Emergenza Coronavirus

Lunedì 5 luglio, presso l’ex Banca d’Italia in piazza Ebalia a Taranto, si terrà un convegno sulla responsabilità sanitaria durante lo stato di emergenza creato dal Covid; il convegno, organizzato dall’Asl di Taranto, è dedicato a medici, medici Usca, infermieri e studenti di medicina e potrà essere seguito in presenza oppure online. Verranno discussi gli aspetti relativi alle responsabilità penali e civili della sanità durante l’emergenza Covid, ma anche i possibili insegnamenti emersi dall’esperienza della pandemia e gli sviluppi futuri per l’organizzazione sanitaria. Si parlerà delle forme di tutela nell’ambito del diritto civile e penale e della nuova legge dello “scudo penale” che prevede la responsabilità in ambito sanitario solo in caso di colpa grave.

Il convegno sarà anche un’occasione di confronto sulla gestione della campagna vaccinale e sui modelli organizzativi che promuovono l’attività sanitaria basata sull’interazione tra le discipline e sull’integrazione ospedale-territorio. Infine ci sarà un confronto tra i modelli organizzativi attuati nelle diverse strutture sanitarie della Puglia per poter sfruttare la crisi pandemica come un’opportunità di miglioramento. Per partecipare, è necessario iscriversi dal portale Formazione Asl Taranto https://formazione. asl.taranto.it/, mentre per avere maggiori informazioni è possibile scrivere una mail all’indirizzo lucia.nardelli@asl.taranto. it.

I lavori del convegno saranno avviati da Stefano Rossi, direttore generale dell’Asl Taranto, e dal dr. Marcello Chironi, responsabile della Medicina Legale dell’Asl Taranto. Saranno presenti Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, Loreto Gesualdo, presidente della Scuola di Medicina, Pier Luigi Lopalco, assessore alla Sanità della Regione Puglia, Cosimo Nume, presidente dell’Ordine dei Medici di Taranto, e Pierpaolo Volpe, dell’Ordine professionale degli infermieri di Taranto. Nella prima parte del convegno, ci saranno gli interventi del Procuratore della Repubblica aggiunto di Taranto Maurizio Carbone, che tratterà dell’accertamento della responsabilità penale per colpa medica durante l’emergenza Covid-19, e del prof. Francesco Introna, Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Legale dell’Università di Bari, che tratterà della responsabilità dei sanitari, dello scudo emergenziale e della colpa grave.

Pierluigi Cavallotti tratterà delle richieste di risarcimento e delle risposte assicurative e l’avvocato Maurizio Hazan parlerà della responsabilità sanitaria emergenziale e dei profili civilistici. La seconda parte sarà dedicata ai modelli organizzativi e alla campagna vaccinale. Con la moderazione del Direttore Sanitario della Asl di Taranto, Vito Gregorio Colacicco, spazio agli interventi di Lorenzo Polo, specialista in medicina legale, che tratterà dell’integrazione delle competenze e delle responsabilità nel contesto pandemico e del Michele Conversano, Direttore del Dipartimento di prevenzione dell’Asl di Taranto, che parlerà degli insegnamenti acquisiti dalla campagna vaccinale Covid-19. Antonia Mincuzzi, della struttura di Statistica ed Epidemiologia dell’Asl di Taranto, esporrà i dati epidemiologici della pandemia da Covid 19 nella Asl di Taranto e Davide Alì tratterà dell’evoluzione dei modelli amministrativi durante la pandemia da Covid 19 e dei risvolti nel futuro. Nel momento finale, ci sarà il confronto proprio sui modelli organizzativi aziendali. Andrea Chiari, direttore amministrativo dell’Asl di Taranto, dialogherà con Silvio Tafuri, dell’Aouc Policlinico di Bari, Giuliano Saltarelli, dell’Asl di Bari, Maria Masullo, dell’Asl della provincia di Barletta-Andria- Trani, Sabrina Leonardi, dell’Asl di Brindisi, Francesca Donno, dell’Asl di Lecce, Giuseppe Carbotti e Giuseppe Frascella, dell’Asl di Taranto. Il convegno si concluderà con un intervento dei sindacati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche