04 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Agosto 2021 alle 01:55:00

foto di Visita al Sacello del Monumento ai Caduti
Visita al Sacello del Monumento ai Caduti

Stupore e meraviglia! Questi i sentimenti che hanno emozionato un gruppo di amici, da me accompagnati, dinanzi alla visione dei preziosi mosaici che adornano interamente il Sacello del nostro Monumento ai Caduti. Lunedì mattina, grazie alla disponibilità e alla perfetta organizzazione del Comune di Taranto e della Protezione Civile, è stato possibile effettuare una visita, fortemente voluta dalla Presidente del Comitato di Taranto della Dante Alighieri, prof.ssa Josè Minervini, cui hanno partecipato la prof.ssa Carmen Galluzzo Motolese, Presidente dell’Associazione Marco Motolese, alcuni soci del Club Lion Taranto Host, del Club Lion Taranto Città dei Due Mari e del Leo club.

Stupore e meraviglia per un Monumento che è lì, imponente, in Piazza della Vittoria, da oltre novant’anni, ma in parte disconosciuto alla stragrande maggioranza dei cittadini, compresi coloro che in tanti decenni hanno amministrato la città, i quali non hanno mai avuto la possibilità di accedere all’interno di quella piccola cappella, per comprendere quali tesori contenesse. L’autore del Monumento, lo scultore tarantino Francesco Paolo Como, pensò di svuotare il piedistallo del Monumento stesso allo scopo di dargli “un’anima e una fiamma che vi ardesse dentro” a sempiterna memoria e riconoscenza per gli eroi tarantini che si immolarono per la Patria. Purtroppo quella fiamma, che lo scultore immaginava sarebbe stata sempre alimentata dall’olio che “i contemporanei ed i venturi” non avrebbero mai fatto mancare da una piccola lampada in bronzo, non c’è mai stata! Inoltre molte tessere dei preziosi mosaici sono cadute e moltissime altre ben presto cadranno se non si interverrà con urgenza ad un lavoro di ripristino. Questo lo scopo della nostra visita!

E’ fin troppo chiaro che non si può aver cura e rispetto di ciò che non si conosce, di ciò di cui si ignora l’esistenza stessa! Il nostro grido d’appello, a tutti coloro che possono, è di fare squadra e di intervenire prima che sia troppo tardi. In questo ci sentiamo confortati dal sostegno della Consigliera Carmen Galluzzo Motolese, delegata ai rapporti con le Confessioni Religiose e con le Istituzioni Culturali terze, che ha già portato in Commissione la richiesta d’intervento urgente; tuttavia credo che ciascuno di noi debba sentirsi coinvolto come in un problema personale. Quando l’opera sarà completata si potrebbe fare in modo, con il contributo del Comune, della Marina Militare e, perché no, dei nostri giovani Leo, che il Sacello fosse aperto alle visite almeno in tutte le più importanti ricorrenze militari, civili e religiose, affinchè tutti possano apprezzare la bellezza di questi mosaici e, al tempo stesso, conferire dignità e sacralità al sito, proprio secondo l’intento dell’autore. Mai più questo importantissimo sito monumentale dovrà essere privato della sua sacralità! Mai più dovrà restare chiuso per cinquanta, sessanta, settanta anni alla popolazione!

Alba Nigro
Socia del Comitato di Taranto della Dante Alighieri

foto di Visita al Sacello del Monumento ai Caduti
Visita al Sacello del Monumento ai Caduti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche