03 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Agosto 2021 alle 22:56:00

foto di Nuovi servizi per i turisti nell’area jonica
Nuovi servizi per i turisti nell’area jonica

Un circuito di operatori pubblici, privati e del privato sociale impegnati in una nuova idea di turismo, diventandone attori protagonisti. Una necessità in linea anche con la fase post Covid-19 che ha richiesto un rilancio dell’intero settore. Con questi presupposti, il progetto Open Tourism ha raccolto grandi adesioni, puntando al viaggio come esperienza aperta, sostenibile, sicura e di qualità e sfruttando potenzialità dei territori e risorse di cui le comunità locali sono sempre più consapevoli. In particolare, protagonista la Puglia con l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo e la provincia di Taranto con Avetrana, Fragagnano, Leporano, Pulsano, Maruggio, Lizzano e Torricella.

I risultati raggiunti da Open Tourism, promosso dal Programma Europeo INTERREG IPA-CBC ITALY-ALBANIA-MONTENEGRO, saranno illustrati nel corso dell’evento conclusivo online in programma stamattina, alle ore 10. Interverranno tra gli altri Alfredo Longo, presidente Unione dei Comuni Terre del Mare e del Sole; Antonio Agrosì, Joint Secretariat Interreg IPA CBC Italy-AlbaniaMontenegro Programme; Miloš Ivaniśević, Acting Director of Old Royal Capital Cetinje e Florian Bilali, Executive Director Center of Economic Development & International Relations.Nello specifico, è stato attivato un nuovo servizio di informazione e accoglienza al turista finalizzato a promuovere e valorizzare il patrimonio di Italia, Albania e Montenegro. Focus group, incontri e workshop sia a livello locale che transfrontaliero hanno permesso una condivisione dei contenuti.

Di particolare rilievo, la costituzione del «Board Open Tourism» con il coinvolgimento dei vari soggetti nella campagna, nelle strategie e negli strumenti da mettere in campo, con riferimento alla destagionalizzazione e al marketing digitale. Al circuito hanno aderito oltre 200 operatori e sono stati interessati oltre mille stakeholder. Infine, è stato fornito un kit contenente itinerari tematici- in italiano e in inglesecon cui promuovere gastronomia, cultura e natura del proprio territorio; supporto informatico con video e foto; flyer e gadget con il QRcode dell’App Open Tourism; un adesivo da applicare all’esterno delle strutture come segno di riconoscimento. Tutto questo anche con una promozione in rete per il rafforzamento del brand.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche