02 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Agosto 2021 alle 16:55:00

Cronaca News

Raddoppiata la produzione di energia da rinnovabili

Presentati i risultati dell’Integrated reporting 2020 “Le persone, l’acqua. La nostra visione di prosperità”

foto di repertorio
Foto di repertorio

Acquedotto Pugliese – tra i maggiori player nazionali nella gestione del ciclo idrico integrato e la più grande azienda pubblica del Mezzogiorno controllata al 100% dalla Regione Puglia – ha più che raddoppiato nel 2020 rispetto al 2017 la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.
Questo uno dei principali obiettivi di sostenibilità raggiunti nel 2020 e coerenti con l’adesione dell’Aqp al Global Compact del ONU, il patto siglato tra le principali aziende del mondo e le Nazioni Unite per la promozione di un’economia globale sostenibile a livello ambientale, sociale, economico e culturale.
L’Integrated reporting 2020 “Le persone, l’acqua. La nostra visione di prosperità” presentato martedì nel corso della conferenza-spettacolo organizzata presso Villa Minnini a Bari evidenzia come il miglioramento degli indicatori economico-finanziari dell’Aqp evolve in parallelo con la creazione di valore condiviso per le comunità servite.
Nonostante l’emergenza sanitaria che ha colpito il Paese, l’Acquedotto Pugliese nel 2020 ha garantito qualità e continuità dei servizi e, al tempo stesso, ha tutelato con azioni concrete i propri stakeholder con iniziative di sostenibilità e impresso una forte spinta alla digitalizzazione.
Nel 2020 il valore della produzione è salito a 600,5 milioni di euro e il piano di investimenti è stato pari a 172,8 milioni posizionando l’AQP tra le utility più virtuose. I benefici indiretti per le comunità servite raggiungono la cifra record di 2,3 miliardi di euro.
Tali risultati sono stati metaforicamente raccontati dal vertice dell’azienda ai 5 padri storici dell’Acquedotto Pugliese interpretati dagli attori della compagnia teatrale e associazione La Dramaturgie; protagonista, l’attore televisivo Riccardo Forte.
Hanno fatto la loro comparsa sul palco Camillo Rosalba, ingegnere salernitano attivo nella seconda metà del XIX secolo, legato all’originaria ideazione e progettazione degli oltre 20mila chilometri dell’Aqp, Emma Strada, la prima donna laureata in Ingegneria d’Italia e colei che ha contribuito alla progettazione dell’Acquedotto Pugliese, e i politici Matteo Renato Imbriani, Nicola Balenzano eGiuseppe Pavoncelli che si sono fortemente adoperati per la realizzazione di quest’opera di ingegneria idraulica dallo straordinario significato geografico, storico-sociale e tecnico.
Cinque attori hanno interpretato i fondatori onorari dell’Acquedotto Pugliese e dialogato sull’evoluzione del servizio idrico verso modalità sempre più sostenibili mettendo in relazione passato, presente e futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche