20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 21:58:00

Cronaca News

Sparatoria allo Yachting Club, convalidato il fermo

foto di Lite in discoteca finisce in sparatoria: 9 feriti a Taranto - foto di Francesco Manfuso
Lite in discoteca finisce in sparatoria: 10 feriti a Taranto - foto di Francesco Manfuso

E’ stato convalidato il fermo di Umberto Sardiello, il 37enne tarantino, autore della sparatoria all’interno dello Yacthing Club di San Vito, che ha causato dieci feriti. Ieri mattima l’uomo, che è stato fermato dalla Squadra Mobile, è stato interrogato dal gip Rita Romano. Sardiello, che è difeso dagli avvocati Salvatore Maggio e Marino Galeandro, ha riferito al giudice che era al bar dello Yachting Club a bere un cocktail e di essere stato spintonato da uno dei giovani grottagliese che ha poi “gambizzato”.

I due sono venuti alle mani e Sardiello ha tirato fuori la pistola e con il calcio dell’arma ha colpito al capo il giovane con il quale stava litigando. Appena è intervenuto l’amico di quest’ultimo. il 37enne tarantino ha iniziato a sparare. Sardiello, il quale risponde di duplice tentato omicidio, spari in luogo pubblico e lesioni gravi, secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori della Squadra Mobiole prima ha avuto uno scontro con i due giovani di Grottaglie, alle quali ha sparato, di qui l’accusa di duplice tentato omicidio, poi per farsi largo nella struttura dove nel frattempo si era scatenato un fuggi fuggi generale dato che erano presenti decine di persone, ha sparato altri colpi con la calibro 9. Uno dei due grottagliesi è stato ferito in modo serio ed è stato sottoposto ad intervento chirurgico ad una gamba. La prognosi nei suoi confronti dovrebbe essere sciolta dai medici dell’ospedale SS. Annunziata nelle prossime ore. Intanto al termine dell’interrogatorio tenutosi ieri mattina il gip ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Umberto Sardiello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche