21 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 09:58:00

foto di Il CJ Taranto pronto a ripartire
Il CJ Taranto pronto a ripartire

“Credo che il girone sia di buon livello”. Coach Davide Olive si esprime così dopo che la Lega Nazionale Pallacanestro ha ufficializzato la suddivisione dei gironi per il prossimo campionato di serie B 2021/22. Il CJ Basket Taranto, come lo scorso anno, del resto, è finito nel girone D che però sarà unico e non suddiviso in due mini gruppi.

Agrigento, Avellino. Bisceglie, Cassino, Forio, Formia, Molfetta, Monopoli, Pozzuoli, Ragusa, Reggio Calabria, Ruvo, Salerno, Sant’Antimo e Torrenovese saranno le avversarie di Diomede e compagni nella prossima regular season che partirà nel week del 3 ottobre. “Siamo tornati alla vecchia suddivisione del girone sud con le siciliane – il commento di coach Olive che poi si sbilancia sulle possibili favorite quando ancora il mercato è in corso d’opera – Per adesso mi sembra che Agrigento, Ruvo e Sant’Antimo abbiano espresso dal mercato buone ambizioni”.

E arriva anche il primo colpo “under” per il CJ Basket Taranto in vista del prossimo campionato di serie B 2021/2022. Il sodalizio rossoblu ha ingaggiato l’ala-centro Fatih Mehmedoviq, interessantissimo prospetto classe 2000, anzi già con tanta esperienza ad alti livelli in serie B. Si tratta del settimo tassello nel roster che a breve sarà a disposizione di coach Olive dopo i 5 precedenti nuovi arrivi: Hugo Erkmaa, Alberto Conti, Giovanni Gambarota, Biagio Sergio, Riziero Ponziani e la conferma di Manuel Diomede. Continua alacremente il lavoro del direttore sportivo Vito Appeso di concerto con lo staff tecnico e la società rossoblu che ringraziano l’agente Simone di Trani per la fattiva collaborazione nella buona riuscita della trattativa per portare Mehmedoviq a Taranto. Fatih è un giocatore emergente di nazionalità montenegrina, che nonostante la giovane età è già un esperto di Italia ma soprattutto di serie B. Il ragazzo infatti si è trasferito in Italia quando aveva solo 15 anni ed è cresciuto nelle giovanili della Virtus Pozzuoli, quindi di formazione italiana, dove, oltre tutta la trafila giovanile, ha giocato nella terza categoria italiana a partire dall’anno 18/19.

L’anno scorso ha dimostrato di essere cresciuto tantissimo mettendo a referto il 52% dal pitturato e il 70% dalla lunetta aumentando notevolmente il suo minutaggio (18,5 min a partita) rispetto ai primi due anni di serie B, soprattutto nella seconda fase del campionato, dove è arrivato a essere schierato anche in quintetto da coach Gentile, nonostante under di giovanissima età. Giocatore che ha una buona struttura fisica che gli permette di essere affidabile e solido sotto le plance in entrambe le metà campo e nelle collaborazioni offensive con blocchi. Fatih è in possesso di buoni fondamentali individuali sia spalle che fronte che fanno di lui un elemento da non sottovalutare in difesa che può essere incisivo in caso di aiuto difensivo verso i suoi più esperti compagni di squadra. Giocatore con una buona rapidità di piedi e spostamenti laterali che fa di lui un lungo che può mantenere i primi palleggi degli esterni avversari in caso di cambi difensivi. Ingaggiato anche il centro Riziero Ponziani, centro romano classe 1994, 205 cm di altezza per 90 chili di peso.

Si tratta del sesto tassello nel roster a disposizione di coach Olive dopo i 4 nuovi arrivi, ufficializzati la scorsa settimana, di Hugo Erkmaa, Alberto Conti, Giovanni Gambarota, Biagio Sergio e la conferma di Manuel Diomede. Al tempo stesso la società rossoblu comunica l’avvenuta rescissione del contratto con Ferdinando Matrone, per assecondare la sua richiesta di salire in A2, a cui vanno gli auguri per la sua prossima destinazione. Continua alacremente il lavoro del direttore sportivo Vito Appeso di concerto con lo staff tecnico e la società rossoblu che ringraziano il dottor Luca Scipioni per la fattiva collaborazione nella buona riuscita della trattativa per portare Ponziani a Taranto.

Nativo di San Cesareo (Roma), Riziero torna in serie B dopo le esperienze in questa serie a Rieti, una breve parentesi con Valmontone nel corso della stagione 2015/2016, e le due annate consecutive dal 2016 al 2018 con la maglia di Campli, dove lo si vede protagonista di due stagioni in crescendo, con statistiche in ascesa nell’annata sportiva 2017/2018 da 11.8 ppg e 5.8 rpg. Successivamente si sposta (sempre in B) per due anni a Chieti con cui ha potuto consolidare le proprie statistiche ma soprattutto una crescita tecnica e umana culminata con una stagione, 2019/20, a 9.6 punti e 9 rimbalzi di media. L’ultimo anno Riziero è stato però protagonista al piano superiore in A2, dove ha potuto far vedere il suo valore, giocando poco più di 15 min a partita. Giocatore che fa della sua possanza fisica la sua qualità migliore che abbinata alla sua innata cattiveria agonistica fa di lui una miscela di energia sotto le plance dove predominare nei contatti fisici è la sua parola d’ordine. Giocatore seppur relativamente giovane, già con esperienze importanti ai vertici della categoria e più su in A2 dove ha potuto migliorare confrontandosi con lunghi di stampo U.S.A. Giocatore che sa difendere benissimo l’aerea, in fase difensiva, anche sapendo aiutare dal lato debole, giocatore che conosce il gioco e sa quando necessario passare la palla e muoversi senza negli spazi liberi in attacco. Riziero fa del semigancio la sua arma offensiva principale, utilizzato indifferentemente sia con la mano dx che con la sn. Possiede anche un tiro affidabile dalla media distanza, in particolar modo dalla lunetta dove a gioco fermo ha una percentuale media di circa il 65%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche