22 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Settembre 2021 alle 17:58:00

News Provincia di Taranto

Disservizi della Sud Est, 5 sindaci scrivono al Prefetto

Il palazzo della Provincia
Il palazzo della Prefettura e della Provincia

Monta la protesta nei confronti delle Ferrovie Sud Est in relazione ai trasporti del comprensorio orientale della provincia jonica. Ne avevamo già parlato tempo fa proprio da queste pagine ma, evidentemente sulla questione, persistono ancora problemi. A rafforzare quella che fu allora una lamentela circostanziata del sindaco di San Giorgio Jonico, Cosimo Fabbiano, si sono aggiunti questa volta gli omologhi colleghi primi cittadini di Carosino, Fragagnano, Monteparano e Roccaforzata.

“Sono mesi – si legge in un’apposita lettera aperta inviata al Prefetto di Taranto e, per conoscenza, alla direzione della Sud Est – che gli utenti delle nostre comunità lamentano una serie di disservizi (corse annullate, sovraffollamento, ridimensionamento delle tratte servite). Tali disservizi – si legge sempre nello scritto – sono divenuti, soprattutto nell’ultimo periodo, non più tollerabili”. Della questione, a quanto pare, era già stata informata e richiesto l’autorevole intervento dell’assessore regionale ai Trasporti e Mobilità Sostenibile Anna Maurodinoia L’istanza verteva sulla necessità di promuovere una sua richiesta d’incontro con la società concessionaria di tali trasporti, per trovare delle soluzioni alle lamentate disfunzioni servite in questa area, pur tenendo ovviamente in considerazione le eventuali difficoltà del soggetto concessionario di tali linee extraurbane.

“Ad oggi tuttavia – si stigmatizza sempre nella lettera aperta inviata al Prefett con firma congiunta dei sindaci – non abbiamo avuto alcun riscontro alla nostra pressante richiesta e, tantomeno, registriamo un miglioramento dello stato di erogazione di questo fondamentale servizio per le nostre comunità “. La preoccupazione di fondo, espressa nemmeno tanto velatamente dai sindaci di questo comprensorio, è l’ormai imminente inizio delle lezioni in presenza dei tantissimi studenti, i quali quotidianamente usano queste autolinee per recarsi nel comune capoluogo dove si trovano la maggior parte degli istituti soprattutto superiori. Una preoccupazione aggiunta è senza dubbio il lamentato sovraffollamento delle corse che inevitabilmente costringerà, come già successo nei mesi scorsi, moltissime famiglie a farsi carico di accompagnare direttamente i propri figli presso gli istituti scolastici. La missiva si conclude alla fine per tutti questi motivi con una formae richiesta al Prefetto di Taranto: “di voler verificare la possibilità di farsi promotore della convocazione di un tavolo nel corso del quale acquisire dalla società concessionaria dati circostanziati sulla situazione attuale dei servizi di trasporto, con specifico riferimento ai comuni interessati, ed eventualmente le proposte migliorative per superare i lamentati disservizi e migliorare la qualità dei servizi resi”.

Sarà un pò difficile, visti anche i tempi ristretti, che si riesca nel tentativo di far quadrare un cerchio ,ma trovare la solita soluzione tampone che salvi capre e cavoli forse si. In definitiva di questi tempi e proprio in questi casi, il fatto di ritrovarsi tra le parti al cospetto del Prefetto per parlarsi…è già un grande successo.

Floriano Cartanì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche