20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 17:50:00

Cronaca News

Donnola (Anaao-Assomed): «Ai tarantini va data un’assistenza degna di questo nome»

foto di Corsia di Ospedale
Corsia di Ospedale

“Mentre i problemi dell’Utin rimangono insoluti e ci si avvia a un confronto giudiziario nei riguardi della decisione presa dalla Direzione dell’Asl di affidare incarichi dirigenziali, si vedono sporadiche prese di posizione di qualche politico e di qualche sindacato infermieristico. Nel frattempo le mamme continuano ad essere trasferite e il punto nascita rischia la chiusura da un giorno all’altro. Sperando sempre nell’aiuto divino. La Medicina viene mandata avanti da pochi volenterosi, sin quando reggeranno, così come i servizi, tra cui le Farmacie sempre più carenti di personale e il Pronto Soccorso che, già carente, vede l’esodo di molti non specialisti senza speranze”.

E’ l’analisi che fa il dottor Giancarlo Donnola, di Anaao-Assomed. Non mancano le stoccate polemiche, da parte di Donnola: “In mezzo a tutti questi problemi che non hanno distolto molti dirigenti dal godersi le meritate ferie, loro che possono, spicca sotto il sole e nel caldo eccezionale dei giorni seguenti la soluzione scelta dalla Direzione Generale per cercare di porre rimedio a tutti i problemi: un incontro con i Sindacati. Scusate, con un solo sindacato, tra l’altro minoritario se così si può definire, la Cisl Medici” dice Donnola che poi pone diverse domande: “La Direzione Generale pensa che con questo incontro organizzato con un sindacato, minoritario in quanto a percentuale di rappresentatività, in cui si pubblicizza un documento di appoggio a una decisione già contestata dall’Anaao nei mesi scorsi? Cosa ne pensa la Cisl Regionale di questo documento di rottura con i Sindacati maggiormente Rappresentativi? I colleghi iscritti alla Cisl Medici si sentono ancora rappresentati da questo Sindacato? In tal caso dovremmo invitarli a comunicare immediatamente la loro disponibilità a coprire turni in Pronto Soccorso, Dirigenti Sindacali in primis considerato che sono comunque medici, perché l’Anaao si batterà per i propri iscritti al fine di tutelarli da possibili e probabili denunce per malpractice in seguito all’esecuzione di mansioni non previste dal loro contratto di assunzione.

Ferragosto è passato, le ferie non sappiamo cosa siano. Continuiamo a leggere comunicati stampa autoreferenziali seguiti da notizie tragiche, ma speriamo di riuscire a porre un freno alla deriva incontrollabile di questa sanità per continuare a dare ai tarantini un’assistenza degna di tale nome. Non scordiamo che prima o poi, tutti noi, siamo stati o potremmo essere pazienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche