22 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Settembre 2021 alle 10:52:00

Cronaca News

Incendio brucia il gazebo della Frescheria Jamaica, è giallo sull’origine

foto di Le fiamme hanno distrutto il chiosco della spiaggia Jamaica della Marina di Lizzano - foto Francesco Manfuso
Le fiamme hanno distrutto il chiosco della spiaggia Jamaica della Marina di Lizzano - foto Francesco Manfuso

Un incendio ha distrutto la “Frescheria Jamaica”, nella Marina di Taranto (isola amministrativa). Si tratta di uno dei lidi più noti e frequentati della litoranea jonico-salentina. Le fiamme si sono sviluppate intorno alle 6 del mattino di martedì 17 agosto e hanno divorato il gazebo e altre strutture. Sono state circoscritte e domate dai Vigili del Fuoco intorno alle 7,30. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Lizzano che hanno avviato le indagini per fare luce sull’origine del rogo che non si esclude possa essere dolosa.

L’incendio ha provocato danni considerevoli. Stando ai primi accertamenti, il gazebo e alcune strutture sono andate bruciate e altre si sono accartocciate. A parte i danni materiali, una persona ha anche accusato un malore, forse a causa del fumo. Per ristabilirsi è stato necessario l’intevento dei sanitari di un’ambulanza del 118. «Il personale dello stabilimento, che dorme lì, ci ha detto che stamattina presto è stato svegliato dal crepitio delle fiamme. Sembrava il rumore della pioggia, così almeno lo avvertivano nel dormiveglia ed invece era il fuoco che stava divampando». Sono le parole dell’ingegnere Giovanni Pietroforte, vice dirigente dei Vigili del Fuoco di Taranto, riportate dall’Agi. L’ingegnere Pietroforte ha spiegato anche le difficoltà delle operazioni di spegnimento.

«Siamo intervenuti intorno alle 6 – ha spiegato nel corso della mattinata Pietroforte – impiegando 14 uomini e mezzi da Taranto, Manduria e Grottaglie. L’incendio, allo stato, è spento ma siamo ancora sul posto per le ultime cose. Le fiamme hanno attaccato tutta la parte esterna dello stabilimento, che era in legno, anche abbastanza secco considerando le elevate temperature di queste ultime settimane. Nessun danno hanno subito invece le strutture fisse del complesso». «Stiamo anche accertando la natura dell’incendio ed é ancora troppo presto per trarre delle conclusioni». Ha spiegato ancora Pietroforte. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, le fiamme si sono sviluppate all’interno della struttura, nelle vicinanze del gazebo.

La notizia dell’incendio alla “Frescheria Jamaica” ha suscitato una valanga di reazioni. Il post pubblicato nel pomeriggio sulla pagina Facebook della struttura, con una foto di buon auspicio, è stato sommerso da commenti e messaggi di solidarietà e di incoraggiamento, oltre che di amarezza per quanto accaduto. La speranza, unanimemente manifestata, è che la “Frescheria Jamaica” possa riaprire nel più breve tempo possibile: “Ti ricostruiremo presto più bella di prima”. Quello al Jamaica è il secondo episodio verificatosi in provincia jonica nell’arco di tre giorni. Il giorno di Ferragosto un pericoloso incendio si è sviluppato nella pineta Frantella di Grottaglie e ha tenuto impegnati i Vigili del Fuoco fino a lunedì per poter spegnere definitivamente ogni focolaio. Il vice dirigente dei Vigili del Fuoco di Taranto ha evidenziato le difficoltà nelle operazioni di spegnimento.

«L’intervento è terminato intorno alla scorsa mezzanotte (fra lunedì e martedì ndr) nella pineta Frantella del comune di Grottaglie. C’è stato un secondo incendio dopo quello divampato nel pomeriggio di Ferragosto. Penso – afferma Pietroforte – che quello di ieri (lunedì ndr) sia stato più pericoloso rispetto a quello di domenica perchè ha minacciosamente sfiorato anche le case che sono vicinissime alla pineta. Abbiamo mobilitato su Frantella quasi una trentina di uomini – ha sottolineato Pietroforte – e rispetto al primo incendio del 15 agosto, in questa seconda circostanza non abbiamo potuto avvalerci del supporto aereo». Il sindaco di Grottaglie Ciro D’Alò ha emanato una ordinanza di divieto di accesso alla pineta per consentire i lavori di messa in sicurezza dell’area. Frantella si estende per circa 50 ettari sulla strada che da Grottaglie conduce a Villa Castelli ed è con Fantiano una delle due pinete vicine a Grottaglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche