22 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Settembre 2021 alle 10:52:00

Cronaca News

Carlo Cottarelli a Taranto per presentare il suo libro: “All’inferno e ritorno”


Carlo Cottarelli

Il 1 Settembre a Taranto presso il Nautilus di viale Virgilio 2 il prof Carlo Cottarelli presentera’ il suo ultimo libro: All’ inferno e ritorno – per la nostra rinascita sociale ed economica”.

L’ evento è stato organizzato dalla locale sezione del Partito Repubblicano Italiano.

«Il mondo – si legge nella nota di presentazione dell’appuntamento – sta affrontando la peggiore crisi economica dalla II Guerra mondiale e se pur si vedono timidi segnali di ripresa, possiamo ben dire che il virus ha fatto e sta facendo danni più gravi di quelli relativi alla crisi Lehman Brothers. Inoltre questa pandemia ha mostrato tutti i limiti della nostra attuale società. Limiti economici, amministrativi, socio-culturali, sanitari ma soprattutto politici.

Il libro del Prof. Cottarelli ci pone al confine tra il mondo che crolla e il mondo che verrà dopo. Precipitati nel baratro dell’emergenza, abbiamo una grande opportunità: correggere molti errori ripetuti nel passato per aprire strade che accompagnino il nostro Paese in un futuro migliore. Il prof Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani, economista di fama mondiale, già direttore esecutivo del Fondo Monetario Internazionale è stato chiamato recentemente dal premier Draghi a far parte dello staff di governo proprio per far fronte al grave momento economico. Inoltre, da marzo 2021 è a capo di “ Programma per l’Italia” un progetto aggregativo delle forze Liberal-democratiche a cui il Partito Repubblicano Italiano partecipa con la sua dirigenza. Il modello di “Programma per l’Italia” è interessante perché proprio Cottarelli, guida un pool di esperti per giungere a una serie di idee e proposte, non solo tese a risolvere i problemi concreti e annosi del Paese, ma mirate su una vision del futuro, e indirizzate a superare la logica degli improduttivi sussidi.

Inoltre questo centro aggregativo fortemente voluto dal PRI vuole essere la base rappresentativa di quella forza laica, liberaldemocratica e di ispirazione moderatamente progressista che è quella forza di cui si è sentita la mancanza nel Paese nel corso della Seconda repubblica e che nella Prima repubblica era rappresentata soprattutto dal Partito Repubblicano Italiano, il quale ha sempre dato energie politiche molto importanti per i governi riformisti o di pentapartito del nostro Paese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche