21 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 10:52:00

News Provincia di Taranto

Notte di Sant’Agostino, preghiera sotto le stelle a Martina Franca

foto di Il Belvedere dell’ex convento delle agostiniane a Martina Franca
Il Belvedere dell’ex convento delle agostiniane a Martina Franca

MARTINA FRANCA – Da otto anni è diventato ormai un appuntamento tradizionale. E’ la “Notte bianca alla ricerca interiore” che si svolge fra la sera del 27 e la notte del 28 agosto, nei giorni della festa di Santa Monica e di quella di Sant’Agostino. Sulla terrazza del Villaggio Sant’Agostino, l’ex convento delle agostiniane nel centro storico di Martina, in tanti si ritrovano per pregare sotto le stelle, nel punto più vicino al cielo della città.

Perché il Belvedere delle agostiniane, che viene aperto in via straordinaria nella notte di Sant’Agostino, è l’edificio più alto (con Palazzo Ducale) che domina tutta Martina e anche la Valle d’Itria fino ai centri vicini e consente di ammirare un panorama di ineguagliabile bellezza. Giovani e anziani salgono scale ripide fatte da gradini in pietra vecchio stile, quindi alti, per raggiungere la terrazza e partecipare al momento di preghiera. E’ un piccolo “miracolo” che si ripete ogni anno grazie all’impegno di tanti giovani, alla bellezza del posto e all’atmosfera creata dal cielo, solitamente stellato e qualche anno anche con la luna piena. Non lo ha interrotto nemmeno il Covid nel 2020. Anzi lo scorso anno ha acquistato un ulteriore significato dopo i mesi di paura per lo scoppio della pandemia: una sorta di ritorno a riveder le stelle e a ritrovarsi tutti insieme ad invocare l’aiuto del Cielo per sconfiggere il maledetto virus. L’appuntamento torna anche quest’anno, venerdì sera 27 agosto, a partire dalle 22,30 fino all’una di notte, con ingressi contingentati nel rispetto delle norme anti contagio.

Ad aprire la serata sarà l’Adorazione eucaristica a cura della comunità Gesù Risorto. La notte di preghiera si concluderà con la celebrazione della santa messa all’alba, alle 5,30 del mattino. La prenotazione è obbligatoria per accedere ed anche il green pass. Il calendario delle iniziative proseguirà anche nella serata di sabato 28, alle 20,30 nel chiostro del Villaggio, con la cerimonia di consegna delle borse di studio istituite grazie alla sensibilità e alla generosità di alcuni cittadini martinesi e non, la professoressa Enza Buonfrate, la Fondazione Paola Adamo in ricordo della Serva di Dio Paola Adamo, l’architetto Lucia D’Ammacco in memoria dell’architetto Claudio Adamo e le famiglie Pizzigallo-Patriarca in memoria del professor Matteo Pizzigallo. Allo storico e professore dell’Università Federico II di Napoli è dedicata anche una biblioteca allestita grazie alla donazione di un patrimonio librario di notevole pregio e valore storico e culturale del professor Pizzigallo.

Annalisa Latartara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche