21 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 10:52:00

Cronaca News

«Trasporto disabili, troppe criticità»

La sede della Asl di Taranto
La sede della Asl di Taranto

«L’incontro con cui si sarebbe dovuto prendere atto del passaggio di consegne dal Gestore del Servizio Trasporto Disabili Asl di Taranto al quale era stato nei mesi scorsi, revocato l’appalto per gravi inadempienze contrattuali ad una nuova società, è stato obbligatoriamente aggiornato al 3 settembre prossimo, poiché la proposta occupazionale formulata dalla società subentrante, non garantirebbe il rispetto della clausola sociale prevista in sede di gara». In considerazione di ciò, le segreterie territoriali di Cisl Fp e Fit Cisl, «stanche di assistere ad una costante condizione di incertezza che coinvolge il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati in questo servizio socialmente utile, ne chiedono l’internalizzazione».

«Ormai da diverso tempo, registriamo molteplici criticità legate alla gestione del succitato servizio, tanto che si sono susseguite controversie legate al costante ritardo nel pagamento degli emolumenti ed alle numerose inadempienze contrattuali oltre che alla scarsa attenzione in ordine alla sicurezza degli operatori e degli stessi pazienti». «In diverse occasioni durante questi mesi – si legge in una nota a firma di Massimo Ferri (Cisl Fp) e Vito Squicciarini (Fit Cisl) – abbiamo manifestato con sit-in di protesta davanti alla Asl e alla Sede Prefettizia di Taranto. Non da ultimo, nel mese di dicembre 2020, chiedemmo la revoca dell’appalto, invocando il potere sostitutivo da parte della stazione appaltante». «Atteso che la Asl di Taranto, avesse finalmente intrapreso le procedure di revoca dell’appalto all’attuale Ente Gestore, durante l’incontro svoltosi in sede amministrativa Arpal lo scorso 25 agosto, abbiamo constatato con grande disappunto, una proposta occupazionale irrispettosa che evidenziava precarietà occupazionale. Alla luce di quanto enunciato e stanchi di vivere in questo costante clima di incertezza – concludono dalla Cisl Fp e Fit Cisl – chiediamo alla Presidenza della Regione, l’internalizzazione del servizio, auspicando in tempi brevi un’audizione in III Commissione di Sanità, affinchè si pongano in essere tutte le iniziative di propria competenza a garanzia della stabilità occupazionale dei lavoratori interessati in un servizio di così vitale importanza per tutta la collettività».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche