20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 17:50:00

Cronaca News

Porto di Taranto, la Regione “studia” una soluzione

Il porto di Taranto
Il porto di Taranto

Alcuni giorni per approfondire la questione e prendere una decisione. Nell’incontro tenuto martedì 31 agosto dalla Provincia di Taranto sulla questione delle movimentazioni delle merci polverose al porto di Taranto, la Regione ha confermato la sua disponibilità nell’individuare una disciplina omogenea per tutti i porti di Puglia.

Il Dipartimento Ambiente, Paesaggio e Qualità urbana ha chiesto alcuni giorni per un approfondimento della questione con un organo di supporto tecnico e quindi per fornire poi una risposta risolutiva. All’incontro, in videoconferenza, hanno preso parte, con gli uffici regionali, il presidente della Provincia Giovanni Gugliotti, l’Arpa Puglia e l’Autorità di sistema portuale del Mare Jonio. A chiedere l’incontro era stata la Provincia dopo i due tavoli della scorsa settimana, uno con gli enti e l’altro con aziende e sindacati, finalizzati a trovare una soluzione condivisa. Il confronto fra i diversi enti riguarda il parere della Provincia di Taranto che impone un’autorizzazione per la movimentazione delle merci polverose all’interno del porto mercantile jonico. Secondo aziende e agenti marittimi, con le nuove norme c’è il rischio di rallentare i traffici nello scalo tarantino.

Da quanto si è appreso, gli enti, ognuno per quanto di sua competenza, hanno mostrato la loro disponibilità a trovare un punto di equilibrio per individuare una soluzione che consenta alle aziende di continuare a operare nel porto senza problemi. Intanto, in attesa di individuare una disciplina il parere resta “congelato”. Una decisione adottata dopo i tavoli e in attesa che si esprima la Regione in quanto, come evidenziato dal presidente Gugliotti nel corso degli inconfri, «non è intenzione della Provincia creare problemi alle aziende e a tutti coloro che operano al porto». Una risposta dalla Regione e sviluppi della vicenda potrebbero registrarsi nel giro di alcuni giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche