23 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Settembre 2021 alle 10:41:00

foto di L’on. Gianfranco Chiarelli, l’on. Andrea Crippa e il segretario generale della Cdc, Francesca Sanesi
L’on. Gianfranco Chiarelli, l’on. Andrea Crippa e il segretario generale della Cdc, Francesca Sanesi

«Sono qui a Taranto per ascoltare la voce delle imprese del territorio e per mettere a loro disposizione il mio ruolo allo scopo di utilizzare le opportunità offerte da Roma e da Bruxelles». Così l’onorevole Andrea Crippa, membro e già vice-presidente della XIV Commissione Politiche dell’Unione Europea, che martedì 31 agosto è stato in visita alla Camera di Commercio, dove ha incontrato il commissario dell’ente camerale Gianfranco Chiarelli.

«Taranto – ha detto l’onorevole Crippa, che è anche vice segretario federale della Lega – ha una funzione baricentrica per gli equilibri del Mezzogiorno ed è pertanto indispensabile migliorare la capacità che il territorio ha di spendere le risorse messe a disposizione dall’Europa. In questo senso, sono molto contento che a svolgere il ruolo di coordinamento delle attività camerali, centrali per il futuro della città e della provincia, vi sia persona di grande preparazione come Gianfranco Chiarelli». Crippa nel pomeriggio di martedì ha incontrato gli imprenditori del territorio e con loro sono stati messi sul tappeto i nodi cruciali ma anche le opportunità che pososno essere colte in questo particolare momento storico. A Taranto però resta irrisolta la madre di tutte le questioni: la vertenza ex Ilva.

«Stiamo parlando – ha dichiarato l’onorevole Crippa a Taranto Buonasera – di una azienda strategica che garantisce migliaia di posti di lavoro. Per questo io non sono per la chiusura dello stabilimento, ma è fuor di dubbio che questa fabbrica non può avvelenare la città. Per questo dobbiamo utilizzare i fondi del Pnrr per fare dell’ex Ilva un’azienda sostenibile per la produzione di acciaio green. Nei prossimi mesi questo governo, con il ministro dello sviluppo Giorgetti saprà dare risposte concrete. Questo è un momento irripetibile per Taranto e per il Paese. Più in generale c’è bisogno di investire nelle infrastrutture al Sud. Penso allo sviluppo portuale e Taranto ha un porto strategico per il Mezzogiorno e per il Mediterraneo. C’è la volontà del ministro Giorgetti di destinare risorse importanti in questa direzione».

«Abbiamo davanti a noi – ha detto ancora Crippa al nostro giornale – la sfida della riconversione digitale e l’evoluzione dell’industria 4.0 per promuovere ricerca, innovaxione e abbattere la Co2. In questa prospettiva possiamo affrontare il tema del lavoro: le risorse oggi assorbite dal reddito di cittadinanza dovranno essere destinate agli sgravi fiscali per le imprese che decidono di investire al sud, creando posti di lavoro veri, invece che incentivare il non lavoro di chi resta a casa». Infine, una battute sull’elogio a Salvini da parte di Emiliano: «Mi ha fatto piacere sentire quelle parole che riconoscono le scelte di grande responsabilità fatte dalla Lega. I grandi temi della Puglisa non hanno colore politico: sta alla maturità dei partiti fare sintesi e cercare unità di intenti». Particolarmente soddisfatto della visita dell’onorevole Crippa, il commissario della Camera di Commercio, Chiarelli: «È importante che Governo e rappresentanti parlamentari ascoltino direttamente le esigenze delle nostre imprese, soprattutto ora che è necessario affrontare in modo definitivo questioni centrali come Ilva e Cis, mentre si apre la sfida sull’utilizzo dei fondi del Pnrr. Per questo sono molto grato all’on. Crippa per questa ennesima dimostrazione di attenzione al territorio».

Enzo Ferrari
Direttore Responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche