18 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Settembre 2021 alle 21:07:14

Cronaca News

Leporano, Il premio “Satyrion” all’Archeologia subacquea

foto di Il castello Muscettola di Leporano
Il castello Muscettola di Leporano

LEPORANO – A chiudere la ricca rassegna dell’Estate leporanese, sabato 18 settembre sarà il Premio Internazionale Satyrion per l’Archeologia giunto quest’anno alla XXII edizione. Il castello Muscettola di Leporano ancora una volta diventa contenitore culturale di una manifestazione di elevato significato etico che offre il giusto riconoscimento a quanti, con i loro studi, scavi e ricerche, hanno riportato alla luce resti di antiche civiltà e rinsaldato i vincoli e le radici che ci legano ad un illustre passato. Protagonista di questa nuova edizione del Premio Satyrion è l’Archeologia subacquea .

Il Comitato scientifico costituito dalla soprintendente Barbara Davidde, della Soprintendenza Nazionale per il patrimonio culturale subacqueo, dal funzionario archeologo Laura Masiello ,da Eva Degl’Innocenti direttrice del MArTA, e dalla studiosa di archeologia Giovanna Bonivento hanno individuato all’unanimità in ex aequo due archeologi subacquei a cui conferire il prestigioso Premio Satyrion per l’Archeologia: Roberto Petriaggi e Rita Auriemma. Roberto Petriaggi è archeologo e subacqueo italiano. Ha svolto attività di tutela archeologica presso varie Soprintendenze italiane, presso il Servizio Tecnico per l’Archeologia Subacquea (STAS), è stato direttore del Museo delle Navi Romane di Fiumicino e ha diretto ricerche e campagne di archeologia subacquea in Italia e all’estero, particolarmente in Yemen, Oman, Libia. Nel 1997 ha fondato il Nucleo per gli Interventi di Archeologia Subacquea (NIAS) dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR, già ICR), che ha diretto fino al termine della carriera nel Ministero. E’ autore di numerose pubblicazioni e monografie e, dal 2004, è direttore di “Archaeologia Maritima Mediterranea“, periodico internazionale di studi e ricerche di archeologia subacquea.

Rita Auriemma archeologa, ricercatrice e professore aggregato presso il Dipartimento Beni Culturali dell’Università del Salento, insegna Archeologia Subacquea, attualmente nell’ambito del corso di laure specialistica in Archeologia; svolge, inoltre, l’insegnamento di Archeologia dei paesaggi costieri e subacquei presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “Dinu Adamesteanu” dell’UniSalento dall’a.a. 2020-2021. La fase cerimoniale della manifestazione sarà allietata da diversi momenti musicali ,coreografie di danza, performance teatrale a cura della Compagnia teatrale Satyrion di Leporano che si alterneranno a riconoscimenti speciali alle eccellenze professionali del territorio tarantino. I premi scultorei in pietra leccese saranno realizzati dall’artista e scultore Maurizio Muscettola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche