20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 21:58:00

News Provincia di Taranto

«Nuovi accordi di filiera per valorizzare l’economia tarantina»

foto di Luca Lazzàro e Massimiliano Giansanti
Luca Lazzàro e Massimiliano Giansanti

“Occorre migliorare la posizione degli agricoltori nella catena del valore ed arrivare alla stipula e all’applicazione dei contratti di filiera per rilanciare gli investimenti nel settore agroalimentare”. E’ quanto dice Luca Lazzàro, presidente del Gal Magna Grecia, presente in questi giorni al Cibus di Parma, fiera internazionale dell’Alimentazione.

“Questo è essenziale – continua – non solo perché contratti equi garantiscono un buon livello di produzione primaria, efficienza nella trasformazione, adeguata promozione dei prodotti agricoli e alti livelli di commercializzazione degli stessi; ma in quanto assicurano sviluppo e ricchezza a tutto il territorio e rendono possibile ricerca e innovazione da un lato e tutela efficace delle tipicità dall’altro”. Di questo si è anche discusso durante un incontro sui contratti di filiera cui ha preso parte il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti. A Parma il presidente Lazzàro e il direttore del Gal Magna Grecia Ciro Maranò hanno promosso gli interventi portati avanti dal gruppo di azione locale sottolineando l’esigenza per ogni territorio di valorizzare i brand più rappresentativi e puntare ad una commercializzazione internazionale che apra la strada di nuovi mercati a tutto il settore ortofrutticolo. I consumatori d’altro canto in questi due anni di pandemia hanno dimostrato di essere sempre più attenti e sensibili all’idea di un food etico e sostenibile che punti a ridurre l’impatto ambientale delle produzioni.

“Qui al Cibus – conclude Lazzàro – il Gal Magna Grecia ha attirato l’attenzione dei tanti visitatori grazie alle iniziative territoriali legate al food, basti pensare alla promozione dell’uva da tavola di Grottaglie, la città delle ceramiche è infatti sempre più conosciuta, a livello internazionale, come uno dei centri pugliesi più importanti per quello che riguarda la produzione dell’uva da tavola, e le varietà Vittoria, insieme a quelle apirene a bacca bianca sono apprezzate sulle tavole di tutta Europa”. Con il gruppo di azione locale espongono i loro prodotti: Ajprol (cooperativa di produttori olivicoli che punta a far conoscere anche ai buyer internazionali il valore dell’olio d’oliva extra vergine pugliese) e Bontá (pastificio tradizionale grottagliese).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche