18 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Settembre 2021 alle 21:07:14

Cronaca News

«Gelate 2021, aziende dell’agro di Taranto restano escluse»

foto di Carmine Palma
Carmine Palma

«Le aziende agricole ricadenti nel territorio comunale di Taranto non hanno potuto beneficiare delle agevolazioni previste dalla legge 102/2004». È quanto affermano da Confagricoltura Taranto in riferimento alla declaratoria di calamità.

«Anche questa volta il Comune di Taranto nel settore agricolo non brilla per attenzione e operosità – spiega il direttore Carmine Palma – Nonostante le numerose segnalazioni prodotte dagli imprenditori agricoli che hanno terreni nell’area del comune di Taranto, l’Amministrazione non ha dato seguito alle istanze e non ha provveduto a realizzare l’informativa per l’Ispettorato Agrario». «Questa era condizione essenziale affinché l’Ente compisse i sopralluoghi che avrebbero permesso anche alle aziende dell’agro di Taranto di poter essere incluse nella declaratoria di calamità». «Di fatto, così, il Decreto Ministeriale dello scorso 31 agosto – spiegano da Confagricoltura Taranto – ha riconosciuto la calamità atmosferica solo per 5 comuni della provincia, Massafra, Palagiano, Ginosa, Castellaneta, Palagianello e Grottaglie, mentre il comune di Taranto nonostante i danni, e nonostante vanti una superficie agricola di oltre 7444 ettari, è rimasto escluso».

«L’Amministrazione del capoluogo di provincia non ha ben compreso quanto conta nel suo territorio il settore agricolo, settore abbandonato a se stesso; come non sa che i danni di tale mancanza di attenzione vengono pagati dagli imprenditori e dai lavoratori, esclusi dai ristori previsti dalla legge – sottolinea Carmine Palma – Anche se non sarà semplice, Confagricoltura Taranto si attiverà per quanto possibile per recuperare le agevolazioni perdute. E per portare avanti questo difficile tentativo conta sulla sensibilità dell’assessore regionale all’Agricoltura Pentassuglia, sempre attento verso le difficoltà del comparto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche