20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 17:50:00

Cronaca News

Dipendenti Comunali, accordo sui buoni pasto

foto di L’assessore Annalisa Adamo
L’assessore Annalisa Adamo

Accordo sui buoni pasto. Venerdì 3 settembre, la segretaria aziendale della Fp Cgil, Annamaria Marra, ha firmato il protocollo di intesa con il Comune di Taranto, che riconosce i buoni pasto anche al personale in regime di “lavoro agile”. «Certamente un risultato importante – evidenzia Marra – che chiude una vertenza lunga quasi un anno, che alla fine ha visto l’Amministrazione comunale riconoscere la legittimità delle richieste sindacali, grazie anche all’apprezzabile intervento dell’assessora al Personale, avv. Annalisa Adamo, che ha saputo rappresentare alla Giunta comunale, la fondatezza giuridica delle richieste. Sanno i dipendenti, che la Fp Cgil rifiutò subito il primo protocollo proposto dal Comune che sanciva il riconoscimento del diritto ai buoni pasto in modalità lavoro agile, solo a decorrere da gennaio 2021. Un rifiuto fondato, in considerazione del fatto che se il diritto esisteva, a parità di condizioni, valeva da subito, cioè da marzo 2020, data di inizio del lavoro da remoto.

Ripetuti confronti hanno alla fine portato al nuovo protocollo che abbiamo firmato con estrema convinzione, certi di aver ben rappresentato le esigenze dei lavoratori e delle lavoratrici. Raggiunto tale importante risultato – osserva la segretaria aziendale della Fp Cgil – risulta urgente la convocazione della delegazione trattante per concordare il cronoprogramma per la sottoscrizione del contratto decentrato 2021, per approvare la nuova disciplina per il conferimento delle posizioni organizzative, per condividere il nuovo Regolamento sui buono pasto e le modalità di prestazione del servizio in regime di lavoro agile. Nella delegazione trattante insisteremo per ricevere i chiarimenti necessari, su troppe irregolarità che, a parere della Fp Cgil, risultano in diversi atti dirigenziali che la nostra organizzazione sindacale ha già ripetutamente segnalato, senza averne alcun riscontro, ancora oggi. In conclusione anticipiamo al personale che daremo adeguata informazione circa la data di effettiva erogazione di questi tanto attesi buoni pasto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche