21 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 09:58:00

Cultura News

Enzo Morelli: con lui Taranto perde un pezzo di storia delle radio locali

foto di Enzo Morelli
Enzo Morelli

Come se non bastassero tutte le problematiche legate all’emergenza sanitaria per Covid-19, in questo anno stiamo assistendo ad una vera e propria “mattanza” di personaggi legati al mondo della radiofonia locale. Taranto perde, infatti, un altro pezzo di storia, Enzo Morelli, deceduto qualche giorno fa all’età di soli 65 anni.

La passione per la radio, per Enzo, inizia presto e lo spinge ad occuparsi di radio. inizia su Radio Taranto Alternativa sui 103.50 Mhz dove si occupa, prevalentemente, di programmi notturni. Nel 1978 passa a Radio Taranto 102.50, assieme ad altri due giovanissimi emergenti: qui conduce un programmino di 30 minuti intitolato “Time for number one”. Per questo alla fine della storia di Radio Taranto passa con il gruppo che ne aveva acquisito le frequenze, quello di “PubliRadio” che finisce col dirigere.. Ed è sempre qui che dà il meglio di sé conducendo programmi attraverso la sua bella voce, inserendo nella Radio una serie di personaggi di alto talento ed intervistando una serie infinita di cantanti di altissimo spessore come Jovanotti, Mia Martini, Ron, Gianni Morandi, Tullio De Piscopo e tanti altri.

A mio avviso nessuno come lui ha influenzato in modo tanto decisivo la seconda fase delle Radio private. La sua dipartita va a creare un vuoto ancora più significativo nel cuore di chi della Radio era innamorato. Cuore già messo a dura prova dalle scomparse di Gianni Chiarelli e Gianni Madaro tanto per citarne alcuni. Enzo Morelli ha affrontato con coraggio prima la malattia e poi la consapevolezza della gravità. Sì, Enzo mancherà alla città di Taranto e ai tarantini come mancherà il saluto che lui stesso aveva coniato sui social e che lo contraddistingueva: cia, Enzo…

Vito Lalinga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche