18 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Settembre 2021 alle 11:54:00

Cronaca News

Rissa fra tifosi, il Questore: «L’episodio certifica che gli ultras sono spaccati»

foto di Il questore Giuseppe Bellassai
Il questore Giuseppe Bellassai

«Quello che è accaduto sabato allo stadio è molto preoccupante e richiede ulteriore impegno da parte nostra. Va anche detto che quell’episodio certifica l’esistenza di una spaccatura all’interno della tifoseria ultras e questo è un elemento sul quale dobbiamo prestare molta attenzione per il futuro». Il questore Giuseppe Bellassai invita a tenere alta la guardia dopo l’accoltellamento che c’è stato alla curva nord dello Iacovone nel corso della partita fra Taranto e Palermo.

«Noi – dice il questore al nostro giornale – siamo particolarmente vigili in ogni occasione, ma è evidente che davanti a situazioni di questo tipo occorre una collaborazione a trecentosessanta gradi da parte di tutti. Con la società del Taranto questa collaborazione c’è e deve continuare. Dobbiamo riconoscere che la società pone attenzione assoluta per creare le condizioni affinché un evento sportivo non venga stravolto da episodi di criminalità. Siamo di fronte a intemperanze di singoli, ma quello di sabato è un campanello d’allarme che ci spinge a mantenere attenzione sempre elevata sui gruppi ultras».

Ci saranno misure particolari per le prossime partite?
«Sicuramente ci saranno particolari misure, come il Daspo, verso i soggetti coinvolti nell’episodio di sabato». Più in generale, negli ultimi mesi si sono susseguiti preoccupanti episodi di criminalità e questo probabilmente induce ad una percezione di minore sicurezza sul territorio.

È una percezione giustificata?
«Abbiamo avuto episodi ai quali è stata data pronta e immediata risposta. Nella valutazione delle percezioni di rischio va anche fatta questa considerazione. Taranto non è una citta semplice dal punto di vista della criminalità, ma è pur vero che le forze di polizia hanno sempre dimostrato di riuscire a tenere sotto controllo sia la criminalità organizzata che la criminalità più spicciola. Questo è certificato dai risultati ottenuti. Nell’ultimo anno abbiamo avuto più di dieci tentativi di omicidio ma i responsabili sono stati tutti assicurati alla giustizia. Questo significa che abbiamo una conoscenza così profonda del territorio da riuscire a ottenere risultati per niente scontati. Ecco, nella nella percezione sulla sicurezza del territorio bisogna fare anche le valutazioni sulla nostra capacità di risposta».

Enzo Ferrari
Direttore Responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche