26 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Ottobre 2021 alle 15:57:00

Cronaca News

Sicurezza, sit in degli agenti di polizia penitenziaria

Consegnate le chiavi degli istituti pugliesi

Agente polizia penitenziaria
Agente di polizia penitenziaria © n.c.

I poliziotti penitenziari pugliesi ieri hanno tenuto un sit in, a Bari, e hanno consegnato al Provveditore, le chiavi delle dieci strutture penitenziarie della regione. Poi hanno strappato contratto e accordi sindacali poichè sarebbero stati violati.
“Da tempo – dice il il Sappe, sindacato autonomo polizia penitenziaria – stiamo denunciando alla politica e all’amministrazione penitenziaria, la grave situazione lavorativa e di sicurezza che attanaglia le carceri pugliesi che sono le più affollate di detenuti della nazione.
A ciò l’amministrazione ha risposto con il ridimensionamento degli organici della polizia penitenziaria, ridotto di oltre 600 unità negli ultimi 20 anni. Tutti i capi Dap venuti in Puglia hanno preso atto della situazione, hanno promesso però mai nessuno ha fatto nulla, per cui ci troviamo con carceri in cui la sicurezza, soprattutto nelle ore pomerdiane e serali è uguale a zero. E purtroppo i fatti lo stanno a testimoniare con i tumulti scoppiati nel mese di marzo 2020 in quasi tutte le carceri pugliesi, con il disastro determinato dalla clamorosa evasione di d 73 detenuti dal carcere di Foggia, cosa mai accaduta in una nazione democratica- prosegue il Sappe- e poi le aggressioni continue ai poliziotti da parte dei detenuti che si sentono padroni delle carceri, il continuo ritrovamento di sostanze proibite e mini telefonini, per finire alla rocambolesca evasione di Trani nei giorni scorsi.
Nemmeno di fronte a tutte queste situazioni il Dap ha ritenuto di prendere provvedimenti per cui è giunto il momento di dire basta”.
Il Sappe ha così deciso di organizzare una manifestazione eclatante a Bari, davanti il Provveditorato dell’amministrazione penitenziaria in corso De Gasperi (adiacente al carcere), in cui sono stati strappati per protesta il contratto del lavoro e gli accordi sindacali poiché violati in ogni loro parte, a partire dagli orari, dai carichi di lavoro, dalla igiene, sicurezza e salubrità, dai riposi , dalle ferie.
“Abbiamo consegnato al Provveditore regionale, dottor Martonee, anche le chiavi delle carceri pugliesi – sottolinea il Sappe – un gesto che per ora è solo simbolico, ma che se non ci saranno risposte serie, diventerà concreto con i poliziotti che presenteranno in massa le dimissioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche