16 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Ottobre 2021 alle 16:30:00

foto di Giuseppe Laterza
Giuseppe Laterza

Concentrazione ed apprensione. Il Taranto persevera nella pianificazione del suo lavoro propedeutico alla ripartenza dopo l’immeritata sconfitta incassata a Pagani e, nello stesso tempo, monitora con attenzione gli eventi dell’infermeria. Domenica la compagine rossoblu è attesa dalla sfida interna con il Latina, prima di due impegni agonistici consecutivi allo stadio Iacovone comandati dal calendario: mercoledì 29 settembre è in programma il turno infrasettimanale, ed il Taranto ospiterà un’altra matricola, il Monterosi Tuscia.

Insidiosa l’imminente gara contro i nerazzurri guidati da Di Donato, ritemprati dai due pareggi collezionati in sequenza contro le blasonate Avellino e Foggia: Giuseppe Laterza dovrà studiare e riflettere sulle strategie tattiche e sugli uomini da incastonare nello stesso scacchiere, soprattutto alla luce delle defezioni appuntate nella zona nevralgica e nel tridente offensivo. L’allusione alle condizioni fisiche di Diaby e di Versienti è esplicita, senza dimenticare che il reparto di centrocampo risulta depauperato anche dall’addio di Longo, elemento versatile ed avvezzo alla categoria, del quale è stato impossibile valutare la produttività nella primordiale economia di gioco della formazione ionica. Preoccupa lo stato di salute del giovane ivoriano, il quale era stato costretto ad abdicare dal match con la Paganese dopo appena dieci minuti, a causa di un contrasto, violento ma non provocato con cattiveria, con l’azzurrostellato Murolo. Nella mattinata di ieri, presso una struttura sanitaria ubicata nella provincia di Matera, Aboubakar Diaby è stato sottoposto ad una risonanza magnetica, il cui referto ufficiale sarà divulgato immediatamente dopo la lettura effettuata dagli specialisti ortopedici individuati dalla società. Nel bollettino medico diramato alla ripresa delle attività, era stato confermato il trauma distorsivo al ginocchio destro: necessari i rituali esami clinici strumentali, finalizzati a comprendere l’entità del danno ed i tempi di recupero.

Per il giovane Diaby, neofita dell’avventura nel calcio professionistico, si teme circa un mese di inattività. Il calciatore si sta già dedicando ad un programma personalizzato di riabilitazione, così come Leandro Versienti, vittima di un’infiammazione della fascia plantare che ne aveva escluso la candidatura dall’elenco dei convocati alla vigilia della trasferta in Campania. Quest’ultimo rappresenta una pedina quasi imprescindibile per la filosofia di mister Laterza, il quale dovrà rinunciare alla sua propensione eclettica nel trittico offensivo, correggendo la lacuna con il giusto intuito: per la gara di Pagani, si era optato per la freschezza di Santarpia, esplosa in particolar modo da cursore di fascia avanzato in quel 4-2-4 sviluppato nel corso del secondo tempo. Diaby, invece, era stato impiegato in corso d’opera sia contro il Palermo che al cospetto della Paganese: in occasione della brillante performance contro i rosanero, l’ivoriano aveva partecipato all’azione corale per il terzo gol, di cui lui stesso è stato autore con un inserimento perfetto; l’anatema dell’infortunio ha vanificato le speranze di un’identica circostanza, per un epilogo di gara diametralmente opposto e decisamente amaro.

L’asse mediana titolare disposta da Laterza nelle ultime due gare è stata appannaggio di capitan Marsili affian-cato dai vari Bellocq, Labriola e Civilleri: elementi ai quali saranno affidati gli “straordinari” della creazione, della gestione e del filtro del delicato reparto, in attesa del ritorno di Falcone. La squadra ha effettuato ieri un’unica sessione di allenamenti: ancora assente Giuseppe Laterza, che ha completato il secondo ciclo di appuntamenti didattici per il conseguimento del patentino di Uefa A, nelle sedi di Coverciano; oggi dirigerà regolarmente il test in famiglia. I rossoblu si sono focalizzati sulla ginnastica posturale e sui circuiti di forza; successivamente, il gruppo ha disputato una serie di partitelle a pressione, concluse da esercitazioni di natura tecnicotattica.

E’ stata inaugurata nella tarda mattinata di ieri la vendita dei biglietti per assistere a Taranto-Latina: i tagliandi potranno essere acquistati liberamente, nei punti ufficiali e tramite il circuito Vivaticket; non è previsto alcun diritto di prelazione. Questo l’elenco dei prezzi (comprensivi di diritto di prevendita e commissione online) distribuiti per settori: Curva intero € 13.00- ridotto € 11.00 (posti disponibili 2.217); Gradinata intero € 17.00-ridotto € 15.00 (posti disponibili 1.655); Tribuna Laterale intero € 30.00-ridotto € 28.00 (posti disponibili 1.431, di cui 20 riservati); Tribuna Centrale intero € 50.00- ridotto € 48.00 (posti disponibili 190); Curva Ospiti intero € 13.00 (posti disponibili 250). I costi ridotti sono riservati alle donne, ai ragazzi under 12 ed agli adulti over 65.

Alessandra Carpino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche