24 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2021 alle 10:28:00

Calcio News Sport

Il Taranto piega nella ripresa la resistenza del Latina

foto di I tifosi del Taranto
I tifosi del Taranto

Esperienza, senso dell’attesa ed intuizione del momento propizio. Il Taranto riparte, riprende la sua marcia e trafigge il Latina fra le mura amiche, con il più classico dei punteggi, un 2-0 marchiato a fuoco nella ripresa, dopo un primo tempo accorto al cospetto di un avversario volitivo ma poco cinico. La genesi di entrambi i sigilli è affidata ad interpreti qualificati ed avvezzi alla categoria, i quali collaborano nel confezionare le due azioni decisive: le impronte di Civilleri, Giovinco, Pacilli e Saraniti sono di spiccata qualità e risolutezza.

A fronte delle defezioni per infortunio di Diaby, Versienti e del giovane Ghisleni, mister Laterza opta per la maturità sia per il completamento dell’asse nevralgica, con Civilleri ad affiancare sul versante mancino i riconfermati Bellocq e Marsili, sia per il rinnovamento nel tridente d’attacco, con Pacilli esordiente dal primo minuti ad agire insieme con Saraniti e Giovinco. Sottili metamorfosi anche per quel che concerne il pacchetto arretrato: Zullo rifiata in panchina, Riccardi è ripristinato nel suo ruolo naturale di centrale al fianco di Benassai, mentre Tomassini si riappropria della mansione di terzino destro, con Ferrara inamovibile sistemato sul lato opposto. L’approccio “immediato e devastante” auspicato da Giuseppe Laterza alla vigilia non coincide con le reali tematiche, poiché la squadra rossoblu è spesso costretta ad arretrare il proprio baricentro: primo tempo contratto, dai ritmi rallentati a causa dell’anomalo caldo ionico di fine settembre, condizionato dall’insistenza offensiva sviluppata dal Latina, propenso a creare varchi in superiorità numerica.

I controlli in marcatura e le condizioni non idonee del terreno di gioco, sul quale i rimbalzi del pallone appaiono scomposti e non favoriscono dialoghi in fluidità, limitano la produttività del Taranto. Per la prima occasione degna di nota e di marca ionica occorre attendere il 22’, quando Pacilli realizza un cross dalla destra, preciso per la testa di Saraniti: il suo stacco supera di poco la traversa. La seconda opportunità è annotata circa venti minuti più tardi: al 41’, infatti, l’incursione sulla corsia destra ad opera di Pacilli è destinata a Bellocq che, in scivolata, serve la sfera all’accorrente Giovinco sul versante opposto; il suo tiro è forte e basso, da posizione ottimale, ma centrale ed è parato da Cardinali. Sul taccuino della prima frazione di gioco si appuntano anche gli spunti dei nerazzurri di mister Di Donato: al 19’, Di Livio filtra da centrocampo, si aggiusta la sfera e prova il destro arcuato, che sorvola la traversa; al 33’ Marcucci s’inserisce sulla trequarti sinistra e prova il tiro a giro, ampio e sul fondo. Due minuti dopo, è Giorgini a districarsi in area e farsi deviare la conclusione: dagli sviluppi dalla bandierina, Amadio tenta al volo, fuori misura. Break precedente alla mezz’ora ancora appannaggio di Giovinco, che prova a sorprendere sull’esterno della rete, servito da Ferrara.

Essenziale e pragmatica la narrazione della ripresa: il Taranto annulla il copione recitato nella frazione di gioco precedente e, dopo aver subito l’iniziativa laziale all’11’st col destro di Rosseti che si inarca sopra la trasversale, conquista il vantaggio. Al quarto d’ora, infatti, Ferrara rimette in gioco con le mani e scova Civilleri: suo il cross col destro raccolto da Giovinco, il quale approfitta delle imprecisioni della retroguardia ospite e serve l’accorrente Pacilli, autore di un colpo d’interno destro sul versante opposto che risulta vincente. Debutto con gol ed esultanza sotto la Curva Nord per l’esperto esterno offensivo, il quale guadagna il tributo all’uscita dal campo, sostituito dal reintegrato Mastromonaco al 21’st. Il raddoppio è il corollario di un’azione da manuale: al 23’st Civilleri è ispirato e s’involta sulla fascia mancina, l’assist è destinato a Saraniti abile ad operare di sponda appostato in area a beneficio di Giovinco, artefice di un destro al volo di pregevole fattura. Consueta girandola di sostituzioni: mister Laterza regala applausi ai protagonisti della duplice fiammata, rilevando Giovinco per Italeng e Civilleri per Labriola. Nei sei minuti di recupero concessi dal direttore di gara Kumara di Verona, il Latina prova ad addolcire il pesante passivo con due subentrati: al 41’ il colpo di testa di Jefferson è schiacciato sul fondo; al 45’ Rossi timbra il palo alla destra di Chiorra. Non basta. Il Taranto vola sulle ali dell’estasi e si arrocca al secondo posto in classifica, 10 punti in condominio col Monopoli, ad una lunghezza dal Bari capolista, in un girone che non conosce esiti scontati e continua a dispensare sorprese. E mercoledì i rossoblu torneranno in campo per il turno infrasettimanale: allo Iacovone arriva il Monterosi Tuscia penultimo.

 

 

TABELLINO

TARANTO-LATINA – SERIE C/C, Domenica 26 settembre 2021, ore 14:30

TARANTO (4-3-3): 22 Chiorra; 2 Tomassini, 6 Riccardi, 23 Benassai, 3 Ferrara; 14 Bellocq, 4 Marsili, 28 Civilleri (35′ st Labriola); 15 Pacilli (21′ st 72 Mastromonaco), 9 Saraniti (39′ st 97 De Maria), 32 Giovinco (34′ st 90 Italeng). A disposizione 1 Loliva, 12 Antonino, 5 Zullo, 11 Santarpia, 17 Granata, 88 Cannavaro. Allenatore Giuseppe Laterza.

LATINA (4-4-2): 1 Cardinali; 17 Teraschi (36′ st 15 Sane), 5 Giorgini, 27 Esposito, 38 Nicolao; 7 Di Livio (19′ 92 Rossi), 6 Amadio, 16 Marcucci (25′ st 14 Barberini), 18 Tessiore; 9 Carletti (25′ st 79 Jefferson), 11 Rosseti (19′ st 21 Mascia). A disposizione 22 Alonzi, 4 Spinozzi, 8 Ricci, 13 De Santis, 33 Atiagli, 70 Ercolano. Allenatore Daniele Di Donato.

Arbitro: Samjir Kumara di Verona.

Assistenti: Giorgio Ravera di Lodi e Mattia Regazzieri di Finale Emilia.

Quarto Ufficiale: Fabrizio Ramodino di Palermo.

Marcatori: 15′ st Pacilli (T), 23′ st Giovinco (T)

Ammoniti: 31′ Pacilli (T), 11′ st Benassai (T), 28′ st Mascia (L), 51′ st Italeng (T), 51′ st Barberini (L), ammonito Di Donato, allenatore Latina.

Note: recupero 0′ pt, 6′ st, angoli 1-11, stadio Erasmo Iacovone, spettatori 3205.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche