19 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Ottobre 2021 alle 14:59:00

Cultura News Spettacoli

Cimaglia dirige “Il castello sul mare” tra musica, teatro, cinema e battaglie

foto di La presentazione dello spettacolo “Il castello sul mare”
La presentazione dello spettacolo “Il castello sul mare”

È stato presentato ieri, alla stampa, lo spettacolo diretto da Massimo Cimaglia dal titolo “Il castello sul mare”, ambientato nel 400 e con oltre trenta personaggi in abiti d’epoca, nato dal testo dell’autrice Barbara Gizzi ed organizzato da “Terra magica arte e cultura”. L’evento, unico nel suo genere, è in programma sabato, 2 ottobre, alle 20,30, al Castello Aragonese, in Città Vecchia. «Abbiamo fatto rete con tantissime realtà e istituzioni del territorio, per un regalo alla città», ha dichiarato l’attore tarantino, in questa occasione nel ruolo di regista.

LO SPETTACOLO
Cinema e teatro, visita virtuale e tour itinerante, colpi di scena e azioni rocambolesche: questi gli elementi principali dello spettacolo “Il castello sul mare” che nasce con l’intento di raccontare la storia di uno dei simboli della nostra città di cui è parte integrante. Un evento inedito e originale, totalmente gratuito, che vuole coniugare la bellezza del monumento con quella del paesaggio naturale che lo circonda: il mare. «L’amministrazione Melucci continua a puntare sui grandi eventi per il rilancio socio-economico di Taranto», ha dichiarato l’assessore alla Cultura, Fabiano Marti, durante l’incontro con i giornalisti al quale ha preso parte anche il comandante del Castello Aragonese, C.F. Vito Mannara, che ha sottolineato l’impegno della Marina Militare ad offrire i propri spazi come contenitore culturale e artistico.Durante lo spettacolo gli spettatori saranno guidati attraverso una sorta di viaggio dentro un’avventura quattrocentesca animata da cavalieri, usurpazioni, drammi, amore, battaglie. Un’avventura che avviene nel continuo intrecciarsi di teatro e cinema. Segrete, prigioni, fossati, saloni e poi il canale navigabile diventeranno luoghi di azioni che verranno proiettate, come integrazione dello spettacolo dal vivo, su un maxi schermo allestito nella piazza d’Armi della fortezza, dove sarà sistemato il pubblico: chi assisterà, seduto sulla sua sedia, sarà “costretto” a girarsi, a ruotare, in una sorta di evento itinerante, ma senza mai lasciare il proprio posto. Tutto è ambientato nel periodo in cui il Castello fu completato nella sua veste attuale dall’architetto Di Giorgio Martini.

IL CAST
Tutto pugliese il cast artistico: Francesco Iaia (il principe Raimondo) e Valeria Cimaglia (la principessa Sofia) insieme ad attori, figuranti e comparse rigorosamente in abiti d’epoca, forniti dall’associazione Maria D’Enghien. La parte tecnica è diretta da Francesca Gemmino, per la realizzazione della parte cinematografica. Ospite speciale, l’attrice Barbara Amodio che ha “prestato” la sua voce per il prologo dello spettacolo. In scena ci sarà anche il regista Massimo Cimaglia, nelle vesti de il principe Giovanni. Il progetto, che fa parte del dossier di candidatura Taranto capitale della cultura italiana 2022, vede il sostegno di: Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese (custodiamo la Cultura in Puglia, PACT – fondo speciale per la Cultura e il Patrimonio Culturale L.R.40 art.15 comma 3 – Investiamo nel vostro futuro), Comune di Taranto, Comando marittimo Marina Sud, Crest, associazione Maria d’Enghien, Cinema Teatro Orfeo, Istituto Musicale Giovanni Paisiello, Palio di Taranto, Pro loco Taranto. L’evento, inoltre, gode del patrocinio di Università Aldo Moro di Bari, Soprintendenza nazionale per il patrimonio culturale subacqueo, Club Unesco Taranto, associazione Amici del Castello Aragonese.

La partecipazione allo spettacolo è gratuita. Per accedere, occorre prenotarsi telefonando ai numeri 3396259355 e 3355394694 fino ad esaurimento posti. È necessario essere in possesso di Green Pass e durante la serata verranno seguite tutte le disposizioni anti Covid.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche