16 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Ottobre 2021 alle 15:54:00

Cultura News Spettacoli

“Aspettando il Mysterium Festival”, al via la rassegna

foto di “Aspettando il Mysterium Festival”
“Aspettando il Mysterium Festival” (foto Aurelio Castellaneta)

Prende il via mercoledì, 29 settembre per chiudersi lunedì, 1 novembre, la rassegna “Aspettando il Mysterium Festival”, presentata ieri alla stampa nel Salone degli Specchi di Palazzo di Città, con gli interventi del vicesindaco e assessore alla Cultura, Fabiano Marti, del direttore artistico dell’Orchestra della Magna Grecia, Piero Romano e del compositore e pianista, Remo Anzovino. Il progetto, fortemente sostenuto dall’Arcidiocesi, dal sindaco Rinaldo Melucci e dalla stessa Ico tarantina, si articola attraverso una serie di iniziative (“Tessere d’arte”, cinema, temi e installazioni multimediali) in programma in diverse location (Concattedrale Gran Madre di Dio, Duomo di San Cataldo, Castello Aragonese e il Museo Archeologico MArTA). Fra i pezzi forti della rassegna, “Una vela tra i Due Mari”, opera del Maestro Anzovino, cui è stata richiesta la prima composizione all’interno di “Quadri sonori”, progetto quinquennale che ha lo scopo di commissionare ad artisti, compositori e musicisti opere originali di cui dotare chiese e siti storici del nostro territorio: il maestro la eseguirà il 29 settembre nella Concattedrale Gran Madre di Dio, insieme con l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal Maestro Piero Romano e il L.A. Chorus, diretto dal maestro Luigi Leo.

«Taranto, possiede qualcosa di profondamente spirituale – ha dichiarato il pianista e compositore – Chi non conosce questa città può averne un’idea superficiale; Taranto, invece, ha cultura e tradizione straordinarie. Nello scorso febbraio, non è stata solo una visita la mia: è stato un incontro con persone preparate, competenti, disponibili umanamente ad accompagnarmi e spiegarmi cosa, in quel momento, stavo osservando. Passavo da una suggestione all’altra: il Castello aragonese, poi San Cataldo, la Concattedrale, il Museo nazionale con tesori archeologici assoluti. Sono profondamente orgoglioso di essere stato scelto come compositore di questo grande progetto di sonorizzazione. Passare dei giorni, immerso in una città per capire certe cose, interpretarle, è sempre stato il mio metodo». Con questa corposa anticipazione, il Mysterium Festival comincia a riprendersi quello spazio autorevole che gli spetta di diritto. Di alto livello, infatti, è il cartellone promosso dall’Arcidiocesi di Taranto con il Comune di Taranto e l’Orchestra della Magna Grecia, in collaborazione con Ministero della Cultura, Regione Puglia e le Corti di Taras. “Aspettando il Mysterium Festival” è un programma realizzato anche grazie al costante impegno del Comitato scientifico del Mysterium Festival, presieduto da Donato Fusillo e alla preziosa collaborazione di istituti, aziende e attività del territorio. Fra questi: BCC San Marzano, Fondazione Puglia, Programma Sviluppo, Comes Chemipul, Fondazione Taranto e la Magna Grecia.

MYSTERIUM FESTIVAL
Mysterium Festival: perché la fede radicata nella nostra gente nel tempo è diventata arte e bellezza, momento di cultura e speranza insieme. Aspettando il Mysterium, in questo caso momento di promozione e grande attesa, è un cammino comune nel quale si ritrovano insieme opinioni, angolazioni e prospettive diverse. Dunque, anche questa è da considerare una iniziativa che ricompatta la città intorno ad una delle grandi certezze del nostro territorio: la grande fede e i Riti della Settimana Santa. Da oltre duecentocinquanta anni la nostra città, anche grazie all’attività svolta in perfetta sintonia fra l’Arcidiocesi tarantina e le Confraternite del Carmine e dell’Addolorata, oltre ad essere testimonianza di fede è diventata nel tempo grande attrattore di turismo religioso al centro delle celebrazioni di Passione, Pasqua e Resurrezione. «Con il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci – ha dichiarato Marti – il Comune ha manifestato comunione di sentimenti con l’Arcidiocesi, Sua Eccellenza l’Arcivescovo Monsignor Filippo Santoro e l’Orchestra della Magna Grecia, con la direzione del M° Piero Romano, nel condividere il percorso del prossimo Mysterium Festival, a cominciare da questa anticipazione in vista della prossima rassegna. L’incontro con il M° Anzovino è stato emozionante. Per uno, come me, che viene dal mondo artistico, conversare sulla bellezza della nostra città con un musicista di enorme sensibilità, mi ha inorgoglito». «Con Remo Anzovino abbiamo dato residenza artistica ad uno dei compositori italiani di assoluto valore – ha detto Piero Romano – perché con la conoscenza della città e dalle vibrazioni da lui avvertite nei diversi sopralluoghi, sono nate sonorizzazioni originali e specifiche degli stessi siti visitati»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche