16 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Ottobre 2021 alle 15:54:00

Cronaca News

Biennale del Mediterraneo di Taranto, approvato dalla Regione Accordo di programma

Cosimo Borraccino
Cosimo Borraccino

«Nell’ambito dei programmi che prevedono strategie di sviluppo del territorio jonico, è stato approvato dalla Regione Puglia l’Accordo per la organizzazione e la gestione stabile della rassegna artistica e culturale internazionale “Biennale del Mediterraneo” prevista dal 2022 a Taranto». Ne dà notizia Mino Borraccino, Consigliere del Presidente della Regione Puglia per “L’attuazione del Piano Taranto”.

«Si tratta – spiega Borraccino – di un ottimo provvedimento messo in campo dalla Giunta del Presidente Emiliano, frutto di un lungo lavoro portato avanti con il Piano strategico della cultura (2017-2026) che ci vede tra le prime regioni italiane ad avvalersi, in modo strutturato, di un mezzo di pianificazione e crescita di un territorio vasto, differenziato e complesso.

Al fianco di Comune di Taranto e Ministero della Cultura la Regione sostiene l’istituzione di una rassegna culturale internazionale stabile, quale la Biennale del Mediterraneo, per valorizzare la centralità di Taranto e della Puglia in Italia e in Europa, esaltandone la vocazione mediterranea, fondata su profondi legami interculturali, interreligiosi, economici e commerciali con gli altri Paesi.

Obiettivo è promuovere lo studio, la ricerca, la documentazione nel campo delle arti contemporanee (arte, architettura, design, fotografia, video arte, moda, cinema, audiovisivo, creatività digitale), con attività stabili, mostre, manifestazioni, sperimentazioni, progetti.

Un personale apprezzamento per il lavoro profuso all’assessore al ramo, Massimo Bray, e per la dedizione al Presidente Emiliano per far crescere la competitività della città di Taranto, con sempre più nuovi modelli di sviluppo finalizzati ad migliorare l’offerta culturale, la coesione e l’inclusione sociale, i flussi turistici e lo sviluppo economico del territorio».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche