22 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2021 alle 18:26:00

News Provincia di Taranto

Rifiuti agricoli, «Un importante passo avanti per difendere l’ambiente»

foto di Luca Lazzàro presidente Confagricoltura Puglia
Luca Lazzàro presidente Confagricoltura Puglia

BARI – “Con l’accordo di oggi abbiamo fatto tutti un importante passo avanti nella difesa dell’ambiente e del territorio”. Commenta così il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro la stipula dell’Accordo di programma per la gestione dei rifiuti agricoli prodotti all’interno della regione Puglia. I temi del riuso, del rispetto dell’ambiente, sono già intrinsechi nel lavoro agricolo.

“Oggi abbiamo sancito dei principi che fanno già parte del fare impresa in agricoltura. Tra questi il recupero e il riciclo- prosegue il presidente Luca Lazzàro- essenziali in un’azienda per contenere costi, rispettare l’ambiente ed essere concorrenziale sul mercato” Attraverso la stipula di ieri mattina si aggiunge un importante passaggio nella tutela della salute, dell’ambiente e dell’attività agricola promossa dall’Ue. Ed è previsto che le imprese agricole pugliesi possano contare su una rete istituzionale che le assista nella gestione dello smaltimento dei rifiuti. Tra i firmatari dell’accordo Assessorati regionali, all’Agricoltura e all’Ambiente, l’Agenzia pugliese per lo smaltimento dei rifiuti. “Il compito di Confagricoltura Puglia – sottolinea il presidente Luca Lazzàro – è di supportare e sensibilizzare gli operatori agricoli nell’utilizzo dei circuiti organizzati di raccolta per una corretta gestione dei rifiuti agricoli. Una azienda che ricicla in modo corretto non è solo innovativa e rispettosa dell’ambiente ma anche concorrenziale sui mercati e attrattiva per il consumatore finale che ha dimostrato di apprezzare gli alimenti prodotti in aziende ‘green’. L’obiettivo è che lo scarto di oggi, trattato a norma- conclude il presidente di Confagricoltura- diventi un bene di domani per preservare le materie prime che non sono di certo inesauribili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche