22 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2021 alle 18:53:00

foto Lo stabilimento Leonardo di Grottaglie
Lo stabilimento Leonardo di Grottaglie

GROTTAGLIE – Vertice alla Regione Puglia giovedì sulla vertenza Leonardo Spa di Grottaglie. Alla riunione, convocata dal presidente Michele Emiliano, ha partecipato anche il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd). “Ho formulato tre proposte operative – spiega Di Gregorio – per affrontare le difficoltà produttive particolarmente pesanti per lo stabilimento di Grottaglie a causa della condizione di monocommitenza dal progetto Boeing 787. Nell’incontro tenuto mercoledì con i sindacati, infatti, l’azienda ha fatto sapere che per il prossimo anno si prevedono almeno 118 giorni di vuoto produttivo, cioè di stop della produzione, nei capannoni di Grottaglie”.

“La portata della vicenda – ha sottolineato il consigliere Pd di Taranto – impone la richiesta di un tavolo di confronto con il Governo nazionale che veda, ovviamente, protagonista la Regione. La seconda proposta è quella di ridistribuire tra i siti produttivi del gruppo presenti in Puglia le ore di lavoro disponibili in modo da attutire l’impatto negativo dello stop alla produzione. Infine, ho chiesto alla Regione la disponibilità ad avviare attività di formazione specifica per i dipendenti della Leonardo anche in questo caso con l’intento di limitare al massimo la portata negativa dello stop produttivo”. “Leonardo Spa – ha concluso Di Gregorio – è una grande realtà nazionale. Il sito di Grottaglie è stato realizzato con finanziamenti pubblici per cui nei momenti di difficoltà è giusto ed è necessario che le ricadute negative dovute al crollo del traffico aereo, siano equamente ripartite e non ricadano soltanto su un’area geografica già gravata da una difficile situazione economica”.

1 Commento
  1. roberto 3 settimane ago
    Reply

    Ancora sterili proproste da politici che finora hanno governato il territorio. Sarebbe caso di cambiare radicalmente dopo il fallimento a cui assistiamo. Fatevi da parte… ma quando???? Speriamo presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche