16 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Ottobre 2021 alle 16:30:00

Cronaca News

Pronta la nuova giunta di Melucci. Tutti i nomi

foto di Il sindaco Rinaldo Melucci
Il sindaco Rinaldo Melucci

La nuova giunta comunale è praticamente fatta. Si attende solo la formalizzazione che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. Tre i cambi decisi dal sindaco Rinaldo Melucci con l’obiettivo di dare compattezza alla maggioranza e di neutralizzare eventuali strappi che potrebbero riverberarsi sulle elezioni del prossimo anno.

Nuovi assessori, con deleghe da definire sono: Cosimo Ciraci, nome storico della Lega d’Azione Meridionale, nel 2017 eletto nella lista Forza Taranto per Baldassari e ora approdato al centrosinistra con la sigla Taranto 2030; Simona Suma, con un breve trascorso nel consiglio d’amministrazione di Kyma Ambiente, va a coprire la casella in quota al consigliere regionale Massimiliano Stellato, oggi orfano di rappresentanti in giunta. Il terzo nome nuovo è quello in quota al Pd: il consigliere comunale Emanuele Di Todaro che entrando in giunta libera il posto in consiglio al primo dei non eletti Tommy Lucarella. Per tre nomi che entrano ce ne sono tre che escono dal governo comunale: Ubaldo Occhinegro, Fabrizio Manzulli e Annalisa Adamo. Scelte obbligate per trovare la quadra e consentire a Melucci di navigare in acque più tranquille fino alle nuove elezioni. Viene quindi puntellata la presenza del Pd, mentre l’ingresso di Suma va a garantire la federazione delle aree che fanno riferimento a Stellato, Walter Musillo e Piero Bitetti, con gli ultimi due già rappresentati rispettivamente dagli assessori Deborah Cinquepalmi e Gianni Cataldino. Un’area che ha in quota anche la presidenza di Kyma Mobilità con Giorgia Gira (area Bitetti) e Kyma Servizi con Francesco D’Errico (area Stellato). Manzulli tuttavia non esce di scena: è al lavoro con l’assessore Fabiano Marti per dare vita a una o due liste civiche pronte a sostenere Melucci.

Fin qui le novità nella giunta comunale, utili, come detto, a neutralizzare la nascita di ipotesi alternative alla ricandidatura di Melucci. Come quella rimbalzata negli ultimi giorni a proposito del tentativo esperito dal presidente della Provincia, Giovanni Gugliotti, presso il presidente della Regione, Michele Emiliano. «Il Pd – dichiara a TarantoBuonasera il coordinatore cittadino Gianni Azzaro – si è già espresso con chiarezza attraverso il commissario Nicola Oddati sulla riconferma di Rinaldo Melucci. Lo stesso presidente Emiliano in queste ore ha ribadito con fermezza che non si prescinde dalla ricandidatura del sindaco Melucci. Noi però siamo per l’inclusione e quindi se Gugliotti, pur provenendo dal centrodestra, vuole aderire al centrosinistra condividendone i valori, è il benvenuto.

Ma il presupposto è che il candidato sindaco sia Rinaldo Melucci. Vogliamo costruire una coalizione aperta a liste civiche e forze moderate, ma il punto fermo non negoziabile resta la ricandidatura del sindaco Melucci». Lo stop ad una possibile candidatura a sindaco di Gugliotti arriva anche da Sinistra Italiana che, attraverso il coordinatore cittadino Cosimo Minzera «ritiene fuori luogo questa candidatura, ritenendo indispensabile dare continuità all’ottimo lavoro svolto dall’amministrazione Melucci nel suo mandato, un lavoro sinergico che ha portato alla rinascita della città che è sotto gli occhi di tutti».

Enzo Ferrari
Direttore Responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche