16 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Ottobre 2021 alle 16:30:00

Cronaca News

Aggressione ad autista dell’Amat: identificato e denunciato l’autore

foto di Il presunto autore dell’aggressione ripreso dalla telecamera del bus
Il presunto autore dell’aggressione ripreso dalla telecamera del bus

Aggressione all’autista della Kyma Mobilità: identificato e denunciato dalla Polizia di Stato. Gli invesatigatori della Squadra Mobile, nel giro di poche ore, hanno stretto il cerchio attorno ad un tarantino di quarantacinque anni, già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile dell’aggressione ad un autista di un autobus di linea avvenuta la sera dello scorso 11 ottobre. Come accertato nell’immediatezza dei fatti dagli agenti della Squadra Volante, un uomo, armato di coltello, aveva tentato di colpire l’autista, inserendo l’arma attraverso la feritoia del vetro protettivo, andato in frantumi.

I poliziotti della Squadra Mobile, dopo il violento episodio, hanno analizzato le immagini del sistema di videosorveglianza installato sul mezzo pubblico, accertando la dinamica dei fatti già denunciata dal conducente, e riconoscendo senza ombra di dubbio l’aggressore e la sua compagna, già noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti penali. Il presunto aggressore in quel frangente indossava un vistoso ed inconfondibile paio di occhiali bianchi e rossi. Immediate le ricerche dei poliziotti che hanno rintracciato nalla loro abitazione situata in via Capocelatro. Nella successiva perquisizione, gli agenti della Squadra Mobile hanno anche recuperato il coltello con una lama di 5 centimetri con il quale il quarantaciqnuenne aveva minacciato l’autista del bus con la chiara intenzione di colpirlo.

Messo di fronte ad evidenti indizi di colpevolezza, il sospettato, che indossava sempre la vistosa montatura, non ha potuto far altro che ammettere le sue responsabilità. L’uomo è stato quindi denunciato in stato di libertà per violenza e minaccia a pubblico ufficiale, tentate lesioni, danneggiamento, interruzione di pubblico servizio e porto illegale di oggetti atti ad offendere. Subito dopo l’aggressione le organizzazioni sindacali dei Trasporti avevano espresso sostegno e solidarietà all’autista che stava svolgendo il proprio turno di lavoro sulla linea 28 percorrendo via Cesare Battisti. I sidnacati choiederanno al Prefetto di Taranto di convocare una riunione insieme ai vertici delle forze dell’ordine, all’azienda Amat ed alla proprietà Comune di Taranto per fare il punto sulla sicurezza del TPL “per individuare congiuntamente e mettere in campo tutti gli accorgimenti possibili per rendere sicuro il lavoro degli autisti e del personale di bordo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche