08 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 07 Dicembre 2021 alle 22:57:00

Cultura News

Artisti pugliesi in mostra a Milano. C’è anche un tarantino, Orodè Deoro

foto di Artisti pugliesi in mostra a Milano
Artisti pugliesi in mostra a Milano

C’è anche un artista tarantino, Orodè Deoro, tra i tre pugliesi che per la prima volta espongono a Milano, all’Other Size Gallery c/o Workness Milano (in via Andrea Maffei, 1), gli esiti di un percorso condotto dalla fotografa leccese, Camilla Filograna sulla commistione tra arte visiva e arte decorativa. La mostra intitolata “Fracta” e curata da Andrea Novembre sarà inaugurata mercoledì, 20 ottobre e resterà aperta al pubblico fino al prossimo 24 novembre.

LA MOSTRA
A partire dagli scatti della Filograna che compongono sempre una metà dell’opera, gli altri due artisti sono intervenuti alternativamente sull’altra metà, ognuno con la propria modalità espressiva. Ne risulta un corpus di lavori frutto di un processo che mette da parte l’ego del singolo per dare spazio a un modus operandi realmente collettivo. Con Camilla Filograna hanno lavorato a quattro mani gli artisti Orodé Deoro e Dario Giancane. Sono otto i lavori esposti, tutti di grandi dimensioni, che combinano il linguaggio fotografico di Filograna con le decorazioni musive di Deoro e le creazioni in lamiera ferrosa ossidata di Giancane: opere a parete dal forte carattere installativo. Ogni opera si presenta con una personalità spiccatamente eclettica, la cui resa finale è qualcosa di più della somma dei singoli interventi. Come suggerisce il titolo, la frammentazione è al centro dell’attenzione degli artisti. I soggetti frammentati della Filograna, secondo cui la fotografia “è, come ogni arte visiva, la rappresentazione per difetto della complessità del reale” poiché ne ritaglia solo una parte, vengono ricostruiti e completati dal lavoro degli altri due autori che restituiscono loro complessità e ricchezza. Un lavoro, questo di decostruzione e ricostruzione, che non può che essere frutto di uno sforzo collettivo, di una “comunità”: un messaggio fortemente simbolico in un momento storico che più che mai ci ha costretti al mantenimento di una distanza e, nei momenti più estremi, a un vero e proprio isolamento. Non casuale è inoltre la scelta del soggetto, che si ripete ossessivamente in ogni lavoro: il cavallo.

La figura equina porta, infatti, con sé una simbologia contraddittoria: in alcune culture è creatura solare e vitale, per altre è animale notturno e infero. Un soggetto doppio e, per questo, intrinsecamente frammentato. In mostra, è presente inoltre il video di Bruno Barillari che dalle opere di “Fracta” trae ispirazione facendosene interprete.

CAMILLA FILOGRANA
Fotografa autodidatta ed esperta di editing con un innato istinto di percezione visiva altamente suggestiva, sia di soggetto che di prospettiva e di luce, Camilla Filograna è esperta di fotografia naturalistica e di architettura, lavorando come freelance sia nel settore documentaristico e di reportage, sia in quello editoriale e pubblicitario. Questa mostra è il suo battesimo alla sperimentazione che ha avviato da qualche anno nella elaborazione di opere d’arte in cui sono messe in dialogo e in contrapposizione l’arte visiva e l’arte decorativa, avvalendosi della collaborazione di artisti di spicco. Sue fotografie sono presenti in molti lavori di interior design e pubblicate in editoria specializzata nazionale ed internazionale.

ORODÈ DEORO
Tarantino, classe 1974, Orodè Deoro è docente di Tecniche del mosaico A.A. 2018/2019, presso l’Accademia di Belle Arti di Lecce. Artista eclettico, si occupa di mosaico, pittura e action painting in spettacoli multidisciplinari. I suoi caratteristici mosaici in ceramica nascono nella Casa – Museo Vincent City, a Guagnano (LE), dove tra il 2000 e il 2004 l’artista vive, realizzando venti opere di medie e grandi dimensioni sui muri interni ed esterni della struttura. Il 2014 lo vede protagonista a Milano, con un trittico in mostra alla Triennale Design Museum e un’opera in mosaico di ceramica di grandi dimensioni su un muro esterno della casa studio dell’archistar Fabio Novembre.

Nel 2015 vince la Targa d’oro del Premio Arte per la sezione scultura. In precedenza nel 2009 ha vinto il Premio Nazionale Enzo Fani (sezione pittura) e il Premio Celeste Voto Online. Collabora con alcuni brand internazionali, come il marchio inglese Victoria+Albert per cui realizza una vasca d’artista. Nel 2018 è invitato al Secondo Simposio del mosaico contemporaneo, presso l’Accademia d’Egitto di Roma che acquisisce la scultura in mosaico realizzata durante la residenza. Le sue opere appaiono su vari cataloghi e riviste d’arte, tra cui Montezuma, Fontana, Mirko.

DARIO GIANCANE
Dario Giancane, leccese, tuttora nella provincia (Arnesano) lavora alle sue creazioni in ferro. Sin da bambino si forma e lavora accanto al padre, maestro artigiano del ferro battuto, dal quale acquisisce i segreti di un mestiere e di una tradizione antica. Sviluppa le sue intuizioni plasmando tutti i tipi di leghe metalliche soffermandosi con maggior estro sulla tecnica dell’ageminatura. Dal 2003 intraprende la sua carriera artistica riscuotendo consensi e partecipa a numerose collettive e concorsi collaborando con artisti affermati, in Italia e all’estero. L’impatto con la superficie dura delle lastre di ferro che incide e la forza creativa del fuoco ci induce a pensare che è la difficoltà del mezzo espressivo che contribuisce alla meravigliosa qualità delle sue opere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche