08 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 07 Dicembre 2021 alle 22:57:00

foto di La visita istituzionale negli Emirati Arabi della Regione Puglia
La visita istituzionale negli Emirati Arabi della Regione Puglia

La delegazione pugliese guidata dal presidente Emiliano e dall’assessore Delli Noci, ha visitato Strata Manufacturing PJSC (STRATA), una società specializzata nella realizzazione di aerostrutture in materiali compositi, con sede a Nibras Al Ain Aerospace, Al Ain – Abu Dhabi. “Questa missione istituzionale ha l’obiettivo di far conoscere la Puglia e le sue eccellenze al mondo imprenditoriale, scientifico e della ricerca degli Emirati Arabi Uniti, di stringere relazioni e avviare future collaborazioni. Per questa ragione, abbiamo impegnato la giornata di oggi per visitare e conoscere direttamente realtà di grande rilievo nel settore dell’aerospazio, dell’innovazione e della ricerca”.

Strata è stata fondata nel 2009 e ha realizzato partnerships con i principali produttori di aerostrutture tra cui Airbus, Boeing e Leonardo-Finmeccanica Aerostructures Division, così come Tier supplier di Pilatus, SAAB e SABCA. La società è controllata da Mubadala Investment Company (Mubadala), la società di sviluppo e investimento di Abu Dhabi ed è parte della UAE Investments platform che ha l’obiettivo di sviluppare il principale hub aerospaziale ad Abu Dhabi. Ad accogliere la delegazione Smail Ali Abdulla, CEO di Strata e Vice Presidente di Mubadala’s Aerospace, Renewables and ICT (AR&I) platform, uno delle quattro piattaforme di business del Mubadala Investment Company. Nella mattinata di ieri l’assessore Delli Noci, il Rettore del Politecnico di Bari Francesco Cupertino, la direttrice del dipartimento Sviluppo economico della Regione Puglia Gianna Elisa Berlingerio, Patrizio Summa direttore progetti speciali di Aeroporti di Puglia, Giuseppe Acierno presidente del Distretto Tecnologico Aerospaziale e le imprese e startup pugliesi parte della delegazione, hanno visitato il Sharjah Research, Technology and Innovation Park Free Zone (SRTI Park), un parco tecnologico istituito nel 2016 che mira a sviluppare e gestire un ecosistema di innovazione promuovendo la ricerca e lo sviluppo delle attività imprenditoriali e supportando la collaborazione tra industria, governo e mondo accademico.

La città universitaria di Sharjah è uno dei partner principali del parco, il cui obiettivo è costruire un sistema che miri a generare innovazione, coltiva re talenti e promuovere le nuove idee trasformandole in progetti di collaborazione. L’Emirato di Sharjah ha investito in modo significativo nel mondo accademico negli ultimi 30 anni, lanciando The University City & SRTI Park per trasformare Sharjah in una capitale dell’innovazione. Sono pari a 1,5 miliardi di dollari gli investimenti annuali nell’istruzione, 18 i dipartimenti e le istituzioni, 47mila gli studenti e 2mila i titolari di dottorato di ricerca di 100 nazionalità. La Città universitaria è test bed per progetti pilota IoT. Ad accogliere la delegazione pugliese Hussain Al Mahmoudi che ricopre il duplice ruolo di amministratore delegato (CEO) dell’American University of Sharjah Enterprises (AUSE) e di SRTI Park.

“Costruire un sistema di relazioni capace da un lato di rafforzare i rapporti con un partner importante come gli Emirati Arabi Uniti, dall’altro creare un sistema di scambi che rafforzi la cooperazione scientifica attraverso la mobilitazione di studenti e la realizzazione di progetti di ricerca comuni. Con questo obiettivo – commenta l’assessore Delli Noci – abbiamo visitato questa mattina lo Sharjah Research, Technology and Innovation Park Free Zone, che è l’esempio di ciò che vorremmo realizzare in Puglia: ecosistemi dell’innovazione, vale a dire luoghi di contaminazione e collaborazione tra università, centri di ricerca, settore privato, società civile e istituzioni per lo sviluppo di idee e soluzioni innovative. Ricordo che la scorsa settimana, insieme all’Agenzia per la Coesione Territoriale e in collaborazione con ARTI, abbiamo condiviso le strategie per le candidature degli organismi di ricerca all’avviso pubblico sugli Ecosistemi dell’innovazione nel Mezzogiorno, che è una delle prime azioni del PNRR. Al CEO Hussain Al Mahmoudi – continua Delli Noci – abbiamo presentato le nostre imprese, il nostro sistema universitario composto da 5 Università – con i loro 250 corsi di laurea molti dei quali in lingua inglese, 80 mila studenti e circa 14mila laureati all’anno – e il nostro sistema di ricerca.

La Puglia intende favorire le sinergie tra soggetti pubblici e privati, la condivisione di strategie e percorsi e la collaborazione con centri di ricerca internazionali con l’obiettivo di aumentare la competitività nel settore della ricerca e dell’industria. Proprio per questo – conclude Delli Noci – come richiesto dal CEO Hussain Al Mahmoudi, una volta in Italia, ci metteremo subito al lavoro per realizzare un masterplan con obiettivi verticali comuni, tra i quali l’aerospazio, su cui costruire azioni di collaborazione”. E proprio su future collaborazioni ha insistito il CEO Hussain Al Mahmoudi che si è detto “molto felice di ospitare la delegazione pugliese. Voglio considerarlo – ha sottolineato il CEO – l’inizio di una collaborazione destinata a crescere. Una collaborazione utile per aprire le porte alle startup innovative, alle Piccole e Medie Imprese, a nuove tecnologie, e avviare relazioni durature tra Sharjah e la Regione Puglia”. Nel settore aerospazio, come è noto, Grottaglie ha un ruolo cruciale in Puglia

1 Commento
  1. VINCENZO 2 mesi ago
    Reply

    Povero illuso che sono. Avevo pensato che la gita fatta dagli amministratori pugliesi a Dubai negli
    EAU avrebbe risolto in modo positivo il risveglio dal letargo per l’aeroporto di Taranto-Grottaglie invece leggo che sono andati per il futuristico (?) sito. Nella mia grettezza pensavo che forse chiederanno che la potente “EMIRATES FLY” si interessasse del nostro aeroporto…invece nulla.
    Come al solito…… altrimenti Brindisi e Bari si ribellano.
    Saluti Vincenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche