A Taranto oltre 80 vescovi, al via la Settimana Sociale dei Cattolici Italiani | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Dicembre 2021 alle 11:48:00

Cronaca News

A Taranto oltre 80 vescovi, al via la Settimana Sociale dei Cattolici Italiani

La Concattedrale di Taranto
La Concattedrale di Taranto

Oltre ottanta vescovi, seicentosettanta delegati provenienti da duecentootto diocesi, in rappresentanza delle comunità ecclesiali che nei mesi hanno riflettuto a livello locale su un documento comune, da oggi, giovedì, fino a domenica, prenderanno parte alla 49.ma Settimana Sociale dei Cattolici Italiani sul tema “Il pianeta che speriamo: Ambiente, lavoro, futuro#Tutto è connesso”.

I lavori avranno luogo al Palamazzola, in via Cesare Battisti, opportunamente attrezzato. Alquanto inteso il programma. Oggi, alle ore 15.30, ci sarà l’apertura con il messaggio di papa Francesco e i saluti del sindaco Rinaldo Melucci e del presidente Regione Puglia Michele Emiliano, con la preghiera del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, e del nostro arcivescovo mons. Filippo Santoro, nella veste di presidente del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani. Quindi, alle ore 17.30 la prima delle sessioni tematiche in programma: “In ascolto della realtà”, con testimonianze sulla situazione di Taranto introdotte da un video; conduce Gabriella Facondo, di TV2000 con interventi di Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl, Stefano Franchi, direttore generale di Federmeccanica, Annamaria Moschetti, presidente della commissione ambiente dell’Ordine dei Medici di Taranto; alle ore 18.30 video sul pianeta ferito “Foresta Amazzonica, Terra dei Fuochi e Pianura Padana” a cura di Vincenzo Morgante, direttore di TV2000 e Radio InBlu; farà seguito la tavola rotonda su “L’orizzonte che speriamo. Ecologia integrale e Pnrr”, con Sergio Gatti, vicepresidente del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali che dialogherà con Mara Carfagna, ministro per il Sud e la coesione territoriale, Lucia Capuzzi, giornalista di Avvenire, Anna Maria Panarotto, gruppo Mamme No Pfas Veneto, Maurizio Patriciello, parroco di Caivano (Napoli) ed Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola.

Domani, venerdì, alle ore 7 santa messa a Castellaneta presieduta da mons. Angelo Spinillo, vescovo di Aversa e membro del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali; alle ore 8 santa messa in Concattedrale presieduta da mons. Stefano Russo, segretario generale della Cei. Quindi, seconda sessione su “Il pianeta che speriamo. Visioni di futuro” che prevede alle ore 9.30 una riflessione biblica di Rosanna Virgili; alle ore 10 tavola rotonda moderata da Gianni Cervellera, coordinatore del servizio pastorale al Fatebenefratelli di Cernusco sul Naviglio, con Enrico Giovannini, ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile, Gaël Giraud, gesuita, economista e direttore della Center for Environmental Justice della Georgetown University di Washington, Giovanna Iannantuoni, economista e rettore dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca con videomessaggio del ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani; alle ore 11.30 Leonardo Becchetti, membro del Comitato Scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali, conduce l’incontro su “Le buone pratiche costruiscono il Pianeta che speriamo”, con video di introduzione alle «buone pratiche» raccolte nel percorso verso Taranto e il racconto di quattro esperienze; dialogheranno con lui Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione con il Sud, Daniela Ducato, fondatrice di Edizero ed Ettore Prandini, presidente nazionale di Coldiretti. Nel pomeriggio, per la sessione su “L’approfondimento e l’incontro”, alle ore 14.30 i partecipanti visiteranno i luoghi delle “buone pratiche”: Ecomuseo del Mar Piccolo a Taranto (guida, don Antonio Panico, direttore Pastorale salute e lavoro di Taranto), Masseria Fruttirossi/Lome a Massafra (Claudio Gentili, membro del Comitato), Masseria Mangiato al quartiere Montetullio a Martina Franca (Flavio Felice, membro del Comitato), Centro educazione ambientale/ Progeva a Laterza (Giuseppe Notarstefano, membro del Comitato), In Masseria a Grottaglie (Franco Miano, membro del Comitato), Torre Guaceto a Brindisi (don Mimmo Roma, direttore Pastorale salute e lavoro della diocesi di Brindisi-Ostuni).

Sabato 23, alle ore 7 santa messa a Castellaneta presieduta da mons. Marco Arnolfo, arcivescovo di Vercelli, membro del Comitato Scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali; alle ore 8 santa messa in Concattedrale presieduta dal nostro arcivescovo mons. Filippo Santoro. “Le conversioni e l’alleanza” sarà il tema della sessione della giornata. S’inizierà alle ore 9.30 con riflessione biblica di suor Benedetta Rossi, biblista; alle ore 10 per “I giovani del Pianeta che speriamo propongono il paradigma dell’Alleanza”, dialogo con padre Francesco Occhetta, Alessandra Smerilli membri del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali, e i giovani Alessandra Luna Navarro e Pietro Rufolo; alle ore 11 si terranno i tavoli di lavoro. Nel pomeriggio, per la sessione “Le proposte e il confronto istituzionale”; alle ore 15.30 dialogo dell’assemblea su “Il Pianeta che speriamo. L’Italia e l’Europa che vogliamo” con Paolo Gentiloni, commissario europeo per gli Affari Economici; Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico, Andrea Orlando, ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, David Sassoli, presidente del Parlamento europeo; alle ore 17.30 incontro su “Il Pianeta che speriamo.

La transizione è nelle nostre mani” coordinato da Mauro Magatti, segretario del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali, con interventi di Walter Ganapini, ambientalista e coordinatore del progetto Fra’ Sole di Assisi, Luigina Mortari, pedagogista, Stefano Zamagni, presidente Pontificia Accademia delle Scienze sociali. La giornata si cocluderà alle ore 21.30 in Concattedrale con il concerto “Una vela tra due mari” dell’Orchestra Ico della Magna Grecia. Domenica 24 ottobre, ultima sessione su “La missione: prospettive, responsabilità, impegni”: alle ore 8.30 incontro coordinato da Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, con interventi di suor Alessandra Smerilli, segretario ad interim del Dicastero per lo Sviluppo umano integrale e membro del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali, e dell’arcivescovo mons. Filippo Santoro. La “Settimana” si concluderà alle ore 11 con la santa messa sul sagrato della Concattedrale presieduta dal cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, che sarà trasmessa su Rai1. “La Settimana Sociale vuole condividere i problemi della gente e, al contempo, portare avanti un’interlocuzione con la società e con il Parlamento italiano, partendo dall’ascolto della realtà e dalle buone pratiche sul territorio e coinvolgendo i giovani sul tema della sostenibilità ambientale”, sottolinea mons. Filippo Santoro sul sito dell’evento (www.settimanesociali.it), in cui, fra l’altro, si rende noto che alla Salinella e in zona Lama-Tramontone saranno piantumati cinquanta platani quale espressione concreta dell’attenzione della Chiesa per le persone e per il Creato, e sarà avviato il progetto “Prendi il largo” per la trasformazione degli scarti dell’allevamento di molluschi in materiali per la bioedilizia.

Angelo Diofano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche