Commemorazione dei defunti, le iniziative a Taranto | Tarantobuonasera

08 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Dicembre 2021 alle 22:53:00

Cronaca News

Commemorazione dei defunti, le iniziative a Taranto

Foto di Cimitero S. Brunone
Cimitero S. Brunone

Si rinnova, nelle giornate dell’1 e 2 novembre, il tradizionale pellegrinaggio dei tarantini al cimitero San Brunone per l’omaggio ai propri cari. Nell’occasione Kyma Mobilità ha predisposto, per entrambe le giornate fino al tramonto, appositi servizi di collegamento da ogni quartiere. Intensi sono stati in questi giorni, da parte del Comune, gli interventi di pulizia affinchè il luogo sacro si presentasse nel migliore dei modi (“polverino” del vicino siderurgico permettendo). Qualche inconveniente si registra per non poche antiche cappelle abbandonate, spesso con i portoncini spalancate e oggetto di razzie da parte dei ladri di portafiori e portalampade. Agli accessi il Comune ha affisso apposite ordinanze di ripristino, che si spera possano essere al più presto ottemperate.

VISITE GUIDATE AL S. BRUNONE
La tradizionale “due giorni” sarà preceduta dalla consueta visita guidata gratuita per le scuole al cimitero San Brunone, a cura del Comitato per la Qualità della Vita, che si terrà stamane, sabato 30 ottobre, alle ore 9,30, guidata dall’amm. Claudio Confessore. Saranno visitati, in particolare, il famedio della Marina Militare, il cimitero inglese, il monumento ai militari del sommergibile tedesco UC-12 affondato in Mar Grande, la cappella del Capitolo Metropolitano dove sono tumulati i cappellani militari della Grande Guerra nonché la storica Certosa di San Bruno, purtroppo inagibile, della quale il Comitato per la qualità della vita auspica il restauro.

II Comitato per la Qualità della Vita chiede che si recuperi la memoria degli uomini illustri sepolti al San Brunone, concedendo loro una dignitosa ultima dimora nel Famedio cittadino, che si intende istituire in una cappella monumentale non più in uso negli ultimi anni acquisita dall’amministrazione comunale.

LA SANTA MESSA DELL’ARCIVESCOVO
Martedì 2 novembre alle ore 10 l’arcivescovo mons. Filippo Santoro celebrerà la Santa Messa in suffragio dei Defunti nella cappella monumentale del cimitero “San Brunone”; successivamente si recherà al famedio della Marina Militare per l’omaggio ai Caduti. Nel corso della mattinata, per conto dell’amministrazione comunale il gran concerto bandistico “Gio vanni Paisiello-Città di Taranto” diretto dal maestro Vincenzo Simonetti eseguirà per i viali del San Brunone le tradizionali musiche della Settimana Santa tarantina; nella medesima giornata suoneranno altri complessi bandistici, ingaggiati da privati.

MADONNA DELLA SALUTE, TORNANO LE STATUE DI GESÙ MORTO E DELL’ADDOLORATA
Sempre il 2 novembre, in serata, nel santuario della Madonna della Salute la confraternita dell’Immacolata (presente in abito di rito) terrà una celebrazione per il ritorno di due simulacri cari ai devoti: quelli di Gesù Morto e dell’Addolorata, oggetto di un approfondito intervento di ripulitura, che saranno collocati nelle nicchie dell’altare laterale del Crocifisso. Il programma prevede alle ore 18.30 la santa messa in suffragio dei defunti celebrata da mons. Emanuele Ferro, parroco della Città vecchia; seguiranno la benedizione e la riesposizione delle sacre immagini, realizzate dal cartapestaio leccese Raffaele Carretta. La cerimonia sarà accompagnata dall’esecuzione delle marce funebri a cura della grande orchestra di fiati “Santa Cecilia Città di Taranto” diretta dal maestro Giuseppe Gregucci.

PIETRE DI CITTÀ
Per giovedì 4 novembre due saranno le iniziative del Comitato per la Qualità della Vita. Alle ore 10 in villa Peripato, davanti al cippo marmoreo della “Leonardo da Vinci”, sarà commemorato il Milite Ignoto, cui il Comune, nel suo centenario, ha conferito la cittadinanza onoraria. In serata nel santuario del SS Crocifisso si svolgerà la 37.ma edizione di “Pietre di Città” in memoria dei tarantini illustri deceduti nel corso dell’anno. Alle ore 18.30 il parroco don Andrea Mortato celebrerà la santa messa; seguirà la consegna delle pergamene “Pietre di Città – Il Cammino verso la luce” ai familiari dei tarantini deceduti nel corso dell’anno da parte del presidente del Comitato, prof. Carmine Carlucci, e della vice presidente, prof.ssa Anna Maria La Neve.

L’OTTAVA DEI MORTI
Infine domenica 7 ci sarà il ritorno per le vie cittadine dell’”Ottava dei Morti”, il tradizionale pellegrinaggio a piedi al cimitero, a conclusione del ciclo di celebrazione in memoria dei defunti Il programma prevede delle novità. Il raduno dei partecipanti sarà alle ore 8.30 davanti alla chiesa di San Giuseppe, in Città vecchia, per un momento di preghiera; alle ore 8.45 muoverà il corteo con il seguente itinerario: via Garibaldi, piazza Fontana ponte Sant’Egidio con sosta a piazzale Democrate, dove verrà ricordata la tragedia del bombardamento alleato su Porta Napoli con la eposizione di un omaggio floreale al cippo commemorativo, sormontato dall’immagine della Madonnina.

Quindi si riprenderà per via Napoli, via Orsini, via Machiavelli. Davanti all’entrata principale del cimitero San Brunone saranno in attesa i portatori degli stendardi delle confraternite e delle società di mutuo soccorso che si accoderanno al corteo. Davanti alla statua del Redentore, sul viale principale, ci sarà la deposizione di una corona d’alloro in memoria di tutti i defunti. Infine si proseguirà sino alla cappella monumentale dove il vicario episcopale per il laicato, mons. Paolo Oliva, celebrerà la santa messa. Il pellegrinaggio sarà accompagnato dalla Grande Orchestra di fiati “Santa Cecilia-Città di Taranto” diretta dal maestro Giuseppe Gregucci che eseguirà le tradizionali marce funebri.

Angelo Diofano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche