Entra nel vivo il recupero dei giardini dell’ospedale militare | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Dicembre 2021 alle 09:53:00

Cronaca News

Entra nel vivo il recupero dei giardini dell’ospedale militare

foto di I giardini dell’ospedale militare
I giardini dell’ospedale militare

In una cornice di colori autunnali e di effetto artistico, entra nel vivo il recupero e la valorizzazione dei giardini ottocenteschi dell’ospedale militare di Taranto, luogo del cuore e luogo storico della salute Fai 2020, con una stretta sinergia di forze in campo. «Con l’obiettivo di rendere fruibile al pubblico questo paradiso terrestre nel centro cittadino, Marina Militare e Associazioni del territorio ancora una volta hanno fatto “equipaggio”, per assicurare al luogo un radicale restyling con gli interventi in corso e la realizzazione del progetto “il roseto delle delizie” che il Garden Club ha finanziato per la sistemazione a verde di una parte dell’antico giardino dell’Ospedale Militare con la creazione di un artistico roseto – si legge in una nota della Marina –.

L’idea progettuale presentata mesi fa in conferenza stampa dal Garden Club con il suo autore agronomo paesaggista dott. Filippo Marroccoli, prevedeva l’intervento in due fasi, il primo dei quali è stato realizzato dal 25 al 28 ottobre 2021 ed ha rispettato e valorizzato l’impianto delle aiuole in stile romanticoitaliano con una collezione di rose antiche come Albéric Barbier, Rosa banksiae e Old blus China, in questo roseto che prende il nome proprio dal toponimo originario del sito, quale uno dei giardini delle “ Ville della delizia” della Taranto ottocentesca lungo l’antica via di Santa Lucia ovvero le ville Giovinazzi-Catapano e Capecelatro e nel pieno rispetto dell’armonia originaria del luogo. Le rose con tonalità di fioriture comprese in un mélange di rosa, salmone, albicocca, giallo, sono accompagnate non solo dalle cosiddette “piante compagne”, rosmarino e iris ed agaphanto con toni di azzurro e celeste quando le rose sono ancora a riposo ma anche dalla “Ninfea lutea”. Piante queste messe a dimora intorno e nella vasca centrale dell’antica fontana, dominata dal classico puttino.

Nelle aiuole invece sono stati piantati alberelli a sfera di Myrtus tarentino, richiamo al simbolo della città nonché al logo del Garden Club di Taranto. La seconda fase dell’intervento, previsto per febbraio 2022, vedrà il completamento della piantumazione di altre specie di rose antiche, manutenzione straordinaria, potature, concimazione, rifiniture e realizzazione dell’impianto di irrigazione sempre sotto la guida attenta dell’agronomo paesaggista dott. Filippo Marroccoli. Grande soddisfazione tra i presenti alla piantumazione, la presidente del Garden Anna Zella accompagnata da alcune socie del club, l’Amm. Div. Salvatore Vitiello, Comandante Marittimo Sud con il Direttore del Centro Ospedaliero Militare Capitano di Vascello (San) Fiorenzo Fracasso ed il suo staff di supporto ai giardini. Così il giardino adiacente la cappella del vecchio Ospedale Militare, ora Centro Ospedaliero Militare di Taranto, grazie al Garden Club sarà, per i suo visitatori, una delizia per gli occhi, ma anche un conforto per l’olfatto: molte delle rose utilizzate infatti, una fra tutte la Rosa gallica officinalis, sono alla base di profumi ed acque di rosa sin dal medioevo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche