Ico Magna Grecia, rinnovato il contratto | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Dicembre 2021 alle 10:55:00

I brani della tradizione classica in tour con l’Ico
I brani della tradizione classica in tour con l’Ico

«Un aumento salariale di quasi il 10%, ampliamento della pianta organica per i lavoratori subordinati passata dal 2015 ad oggi a 30 dipendenti stabilizzati». Sono i risultati che Slc Cgil e Cgil Taranto sottolineano dopo la firma del nuovo contratto aziendale dell’Orchestra della Magna Grecia di Taranto, una delle 14 istituzioni concertistiche orchestrali riconosciute in tutta Italia dal Ministero per i Beni Culturali. «Nella giornata di mercoledì, infatti, è stato siglato l’accordo per il rinnovo del contratto aziendale che prevede, tra le altre misure, l’aumento salariale del 10% rispetto al contratto precedente e il rafforzamento delle tutele per una categoria di lavoratori messi a dura prova durante la difficile fase di stallo degli spettacoli dal vivo imposta dalla pandemia – si legge in una nota firmata da Andrea Lumino, Nicola De Ceglie e Paolo Peluso della Cgil – Il rinnovo e il rafforzamento di un’importante centro di produzione culturale territoriale non fa altro che rafforzare il principio che da tempo professiamo, ovvero che la cultura può e deve produrre lavoro vero e stabile.

Si tratta di un requisito indispensabile che dimostra anche come i bisogni sociali e culturali della comunità vadano a braccetto con il bisogno di dare dignità e benessere, attraverso la prospettiva di un lavoro stabile e professionalizzante, al mondo dell’arte e della cultura in generale. E’ un segnale che cogliamo con grande favore alla luce dei grandi investimenti che dovranno riguardare il territorio, nell’ambito della promozione di modelli di sviluppo integrativi o alternativi, e che alle voci “cultura”, “arte” e “formazione, dovranno tener conto anche di questa esperienza che oggi a Taranto, ma anche in Italia, fa scuola insieme ad altri modelli di ricerca e promozione scientifica e culturale. Non possiamo dunque non augurare buon lavoro a tutti i maestri dell’Ico Magna Grecia, sperando che cultura e lavoro possano progredire di pari passo»

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche