08 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 07 Dicembre 2021 alle 22:57:00

News Politica

«Taranto Crea, cultura e politica del fare»

foto di Taranto Crea, cultura e politica del fare
Taranto Crea, cultura e politica del fare

Al momento è solo una associazione politico culturale. Ma questo è solo il primo passo verso la costituzione di una lista a supporto del sindaco uscente Rinaldo Melucci. Parliamo di “Taranto Crea”, la nuova creatura ideata da Fabrizio Manzulli, Ubaldo Occhinegro e Fabiano Marti. Quest’ultimo vicesindaco e assessore alla cultura, mentre i primi due sono stati assessori comunali fino a qualche settimana fa, quando per esigenze di quadratura politica hanno dovuto fare spazio ad altri. L’impegno però non viene meno e prende altre forme. Quello, appunto, di questa neonata associazione (il nome riprende quello della misura per le imprese culturali prevista nel Contratto Istituzionale di Sviluppo) presentata venerdì 5 novembre dagli stessi Manzulli, che ne è presidente, Occhinegro e Marti.

«Questo – ha spiegato Manzulli – è un progetto che nasce con caratteristiche culturali e si ispira a una idea nobile della politica. A Taranto è iun atto un cambiamento positivo. Basti vedere che la nostra è l’unica città, insieme a Firenze, ad essere presente a Eurocities. Sulla base dell’esperienza che abbiamo maturato in questi anni vogliamo intraprendere un nuovo percorso per fare sistema tra le forze positive della città». «L’obiettivo – gli ha fatto eco Marti – è quello di mettere insieme le forze migliori di Taranto, perché in questi anni abbiamo conosciuto realtà che avevano bisogno di essere asdcoltate e supportate nelle loro capacità propositive».

Non è mancato uno sguardo al passato: «Abbiamo raccolto una situazione molto difficile», ha ricordato Occhinegro. «Ma in tre anni la città è rinata. Sono in corso progetti di rigenerazione urbana per centinaia di milioni. Taranto Crea è un progetto associativo per disegnare la Taranto del futuro». L’obiettivo temporale è quello del 2026, l’anno in cui Taranto ospiterà i Giochi del Mediterraneo. Manzulli ha insistito sulla necessità di fare rete, chiamando a raccolta anche i professionisti tarantini ora fuori città: «Abbiamo rilevato una scarsa capacità di fare sistema, ma noi vogliamo andare nella direzione dle “fare”. Da questa associazione nascerà un manifesto politico molto preciso, che abbia alla base una idea di città europea. Sarà un manifesto senza voli pindarici e senza populismo. La parola d’ordine sarà partecipazione, con il coinvolgimento di molti giovani e donne.

Non vogliamo più progetti calati dall’alto». Stasera 6 novembre (ore 17) la presentazione sarà aperta alla città, ai Giardini Virgilio: «Sarà una agorà naturale e accogliente. Presenteremo i punti essenziali e sostanziali ai quali ci ispiriamo ogni giorno e che abbiamo condiviso già con un numero importante di uomini e donne espressione della Taranto pulita, proveniente da mondi variegati che non sono altro che le realtà con le quali in questi anni abbiamo sempre dialogato e con le quali abbiamo costruito il cambiamento in atto, evidente e palese. Tutto questo in totale discontinuità con le logiche di una vecchia politica che ancora oggi prova l’assalto alle Istituzioni». Taranto Crea avrà anche una applicazione per interagire con l’associazione. Intanto del comitato promotore fanno parte, tra gli altri: Francesco Brittanico, Rosa Cacace, Cosimo Calabrese, Alessia De Marco, Michele De Siati, Stella Donvito, Mariagrazia Efato, Giuseppe Fiusco, Giuseppe Giannico, Tiziana Grassi, Gianluca Lomastro, Mary Luppino, Lucia Giada Marzo, Valeria Merlo, Federica Montone, Desirè Petrosillo, Stefania Ressa, Michele Fabio Simone, Carlotta Spalluto, Maria Tempesta.

1 Commento
  1. Francesco 1 mese ago
    Reply

    Create lavoro pulite Taranto che e na vergogna non create le cose a vostro favore la politica la cultura create cose serie tipo lavoro pensiamo i tarantini prima non che al primo posto ci sono i profughi tunisini di tutto ce tranne il tarantino qua non e poi il sud ma Sud Africa vergognatevi io non voterò mai nessuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche