05 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Dicembre 2021 alle 06:54:46

Cronaca News

Leo e Lions Club donano smart tv all’ospedale Moscati

foto di Leo e Lions Club donano smart tv all’ospedale Moscati
Leo e Lions Club donano smart tv all’ospedale Moscati

Un piccolo gesto di attenzione per alleviare la solitudine, più forte in tempi di pandemia, dei ricoverati nel reparto di pneumologia dell’ospedale San Giuseppe Moscati di Taranto: una donazione di televisori da 40 pollici da parte dei cinque club Lions (Lions Taranto Host, presidente Raffaele Vecchi; Poseidon, presidente Rosa Di Benedetto; Aragonese, presidente Francesca Donnaloia; Falanto, presidente Marisa Di Santo; Città dei Due Mari, presidente Mario Lupo) e due club Leo della città di Taranto (lo storico Leo club Taranto, presidente Giuditta Colangelo, ed il Taranto Aragonese, Leo club liceale costituito d’intesa col liceo scientifico Battaglini, presidente Guglielmo Gigante), coordinati dal presidente di zona Lions Mario Bucci.

Con questa iniziativa comune, ed altre ne seguiranno, i Lions e Leo tarantini, riprendendo anche il motto del governatore Lions 2021/22, Flavia, Pankiewicz, “uniti si fanno ponte”. La cerimonia di consegna si è svolta presso la direzione medica della Asl, alla presenza dei rappresentanti dei club, della dottoressa Vinci, direttore medico di presidio, del dottor Colacicco, direttore sanitario della Asl Taranto, del dottor D’Alagni, direttore del reparto di pneumologia, e della sua équipe. “Il Covid, purtroppo, è una malattia che allontana la gente – ha detto il dott. D’Alagni nel ringraziare i Lions e i Leo – e tende ad isolarla, e questo può avere serie ripercussioni psicologiche. Il nostro reparto, fin da subito, ha condiviso con l’Azienda il progetto di curare la persona in una visione d’insieme, e non soltanto la patologia d’organo. L’isolamento è una delle cause per cui, molte volte, questi pazienti tendono a lasciarsi andare. La donazione di oggi è importante perché consiste nella donazione di una “finestra sul mondo” a pazienti con lunghi tempi di degenza”.

Giuseppe Mazzarino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche