28 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2021 alle 08:11:24

Cronaca News

La Fidapa di Taranto ha un nuovo presidente

foto di La Fidapa di Taranto ha un nuovo presidente
La Fidapa di Taranto ha un nuovo presidente

La Fidapa di Taranto (Federazione Donne Arti Professioni Affari) – BPW (Business Professional Women) cambia Presidente, da Rosalia Bevilacqua Barnaba a José Minervini. Domenica scorsa la cerimonia del passaggio di consegne nei locali del Nautilus, alla presenza della Presidente Distrettuale, la dottoressa Maria Nuccio, della tesoriera distrettuale, la professoressa Mariella Giovinazzo, e della Past-Presidente della sezione di Massafra dottoressa Anna Antonicelli. La dottoressa Rosalia Bevilacqua ha ricordato le attività svolte in questi due anni, specialmente in streaming, nonostante il pericolo della pandemia. A lei, secondo tradizione, è stato consegnato dalla nuova Presidente, a nome di tutte le socie, il distintivo d’oro.

“Prima di tutto dobbiamo ringraziare Rosalia Bevilacqua che ha pilotato l’associazione nei marosi di questi due anni terribili, svolgendo il compito con senso del dovere, entusiasmo e passione”, ha detto la neopresidente Minervini. “Spero di non deludere le socie che hanno riposto in me la loro fiducia, a cominciare dalla Preside Franca Schembari Giraldi, tra le fondatrici della Fidapa di Taranto, che voleva come Presidente una socia garante della tradizione pluridecennale del nostro sodalizio”. La sezione di Taranto della Fidapa, infatti, a marzo ha compiuto cinquant’anni e le fidapine hanno voltato pagina nella tradizione cominciando a scrivere un altro capitolo della loro storia. Per la terza volta Presidente della Fidapa, la professoressa José Minervini ha presentato le linee programmatiche del prossimo biennio e il nuovo direttivo che risulta composto dalla dottoressa Grazia La Neve, Maresciallo dei Carabinieri (Vicepresidente), dalla signorina Connie Barnaba (Segretaria), socia Young del sodalizio ed esperta informatica, dalla professoressa Cinzia Rizzo Poretti (Tesoriera), dalla dottoressa Rosalia Bevilacqua Barnaba (Past Presidente), dalle Presidi Franca Schembari Giraldi e Mariangela Tarantino Introcaso e dalla professoressa Clara Conte Minervini (Consigliere). Revisori dei conti: le professoresse Tonia Torcello e Rosa Carucci Gigante e la signora Annamaria Pisarra Niccolò.

La Presidente distrettuale, la farmacista Maria Nuccio di Lecce, ha ricordato le idealità della Fidapa e il motto di quest’anno ideato dalla Presidente nazionale della Fidapa, la dottoressa Fiammetta Perrone: “Noi Protagoniste del Futuro”. Le donne si proiettano verso il futuro, forti dei valori della tradizione e della solidarietà femminile, contro il pericolo di ogni individualismo. Durante l’incontro in un clima di cordiale amicizia, prima del tradizionale convivio, è stato presentato il romanzo “Il segreto della Maddalena” di Annalaura Giannelli (edito da Les Flaneurs), nel corso di una conversazione tra José Minervini e l’autrice leccese. Avvocata processualista e consulente aziendale di importanti realtà del territorio pugliese, Annalaura Giannelli ha esordito come scrittrice nel 2012 con il romanzo “Di Terra e d’anima” (Adda editore), vincitore del Premio Progresso e Cultura 2014 della Provincia di Bari. Ha pubblicato anche “La figlia del destino” (Adda editore, 2015), vincitore del Premio Terre d’Oltremare 2016, e “Viaggio in ombra” (Adda editore, 2018). E’ Presidente dell’Istituto di Cultura Salentina (ICS), attivo sul fronte internazionale nella valorizzazione delle eccellenze del Salento.

Quest’ultimo romanzo, “Il segreto della Maddalena”, è una detective story, ma è anche un romanzo noir e gotico, all’insegna del mistero e dell’esoterico, un romanzo postmoderno che tiene sulla corda e col fiato sospeso il lettore, anche il più esigente. Ambientato in una Sicilia sensuale e solare, ma anche tenebrosa e torbida, il romanzo racconta la storia di Saro Santagata, rampollo di una delle famiglie più facoltose del mondo imprenditoriale siciliano, scomparso misteriosamente durante una gita in barca: il suo veliero viene ritrovato in mare aperto, ma di lui non c’è traccia. Il padre del ragazzo affida il caso all’ affascinante investigatore privato Andrej Lupo e alla sua più fidata collaboratrice, la magnetica sensitiva Karina Sanchez. Lupo e Karina dovranno destreggiarsi tra questioni di potere e fragili equilibri familiari, rivalità e inganni, attentati quanto mai sui generis e sconcertanti scoperte su riti esoterici e culti misterici. Alla fine la straordinaria coppia di detective riuscirà a rimettere insieme i tasselli di un puzzle molto più intricato del previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche