Con “Future past” tornano i Duran Duran | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Dicembre 2021 alle 10:55:00

Cultura News Spettacoli

Con “Future past” tornano i Duran Duran

foto di I Duran Duran
I Duran Duran (foto di Nefer Suvio)

«Non sto dicendo che sia epico, ma beh: sì, lo dico». È l’affermazione di Simon Le Bon dei Duran Duran a proposito dell’album “Future past”, il quindicesimo in studio. «Quando siamo entrati in studio per la prima volta alla fine del 2018 stavo cercando di convincere i ragazzi che tutto ciò che dovevamo fare era scrivere due o tre tracce per un ep – ha rivelato il cantante della band – Quattro giorni dopo, con un nucleo di 25 canzoni forti, che meritavano tutte di essere sviluppate, ho capito che il lavoro sarebbe stato più lungo, ma questo era prima di covid».

La leggenda del pop, pluripremiata e acclamata a livello internazionale, Duran Duran ha fatto dunque ritorno con questo album che esce in tutto il mondo per Tape Modern/Bmg. «Eccoci nel 2021 con il nostro quindicesimo album in studio – ha aggiunto Le Bon – La musica è dei Duran Duran con Graham Coxon, Lykke Li, Mike Garson, Erol Alkan, Mark Ronson, Giogio Moroder (for God’s sake)». “Future past” vanta stimati produttori come Erol Alkan, Giorgio Moroder e Mark Ronson, ed ospiti speciali come il chitarrista Graham Coxon del Blur, l’ex pianista Mike Garson di David Bowie, Tove Lo, Ivorian Doll e Chai. A fare da apripista all’album è stato il brano “Invisible”. «L’architettura sonora è sempre stata incredibilmente importante per i Duran Duran – ha precisato il tastierista – Penso che con “Invisible” siamo davvero riusciti ad avere la scultura come volevamo. Dal punto di vista sonoro, è un brano musicale molto insolito. L’unione di tutti gli strumenti penso crei un suono globale che forse non avete mai sentito prima». I membri della band hanno collaborato con l’artista giapponese Daisuke Yokota, di cui ammiravano da tempo la fotografia, per la copertina dell’album; Rhodes ha incontrato Yokota per la prima volta nel 2019 quando era in Giappone a realizzare un documentario sulla fotografia del dopoguerra. Rinomati nel corso della loro impressionante carriera di 40 anni per i loro sforzi pionieristici sia nella musica che nelle nuove tecnologie, i Duran Duran continuano la loro tendenza, questa volta con una collaborazione speciale con 360 Reality Audio, una nuova esperienza musicale coinvolgente che utilizza le tecnologie del suono spaziale di Sony.

I Duran Duran e 360 Reality Audio di Sony hanno stretto una speciale collaborazione creativa, e prima nel suo genere, per fornire ai fan un modo completamente nuovo e coinvolgente di ascoltare le loro canzoni. 360 Reality Audio è disponibile sui servizi di streaming supportati Amazon Music Hd, Tidal HiFi e Deezer HiFi. «Come band abbiamo sempre cercato di usare le nuove tecnologie per migliorare il nostro suono – ha spiegato Nick Rhodes – Il sistema Sony 360 porta una nuova e diversa dimensione ai brani». “Future past” è disponibile su tutte le piattaforme digitali, in cd standard, cd con copertina rigida deluxe in edizione limitata con tre tracce aggiuntive, anche in vinile colorato; l’official store dell’album offrirà inoltre esclusivi formati in vinile e cassetta con stampe firmate in edizione limitata. I Duran Duran sono Simon Le Bon (voce), Nick Rhodes (tastiere), John Taylor (chitarra) e Roger Taylor (batteria).

Franco Gigante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche