Incidente mortale, le assoluzioni | Tarantobuonasera

08 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Dicembre 2021 alle 21:25:00

Cronaca News

Incidente mortale, le assoluzioni

Il Tribunale
Il Tribunale di Taranto

Si è concluso dinanzi alla Corte d’Appello il processo riguardante un incidente stradale avvenuto a Castellaneta il 29 gennaio del 2013, in cui perse la vita una ragazza. In primo grado erano stati condannati il conducente dell’autovettura, per guida in stato di alterazione psicofisica e per omicidio colposo, e, per omicidio colposo, un funzionario del Comune di Castellaneta, per l’omessa collocazione delle barriere protettive lungo la strada comunale n. 65 nel punto in cui l’auto precipitò nella scarpata.

Era stato assolto, invece, un dipendente comunale accusato di omicidio colposo per l’omessa collocazione delle barriere. La Corte d’Appello ha assolto il funzionario comunale perchè il fatto non costituisce reato mentre ha confermato la condanna per l’automobilista per omicidio colposo, assolvendolo invece dall’accusa di guida in stato di alterazione psicofisica. La Procura Generale aveva chiesto l’assoluzione dal reato di guida in stato di alterazione, mentre aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado per entrambi gli imputati. I due sono stati difesi dagli avvocati Cristiano Rizzi e Giuseppe Chielli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche