05 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Dicembre 2021 alle 06:54:46

Cronaca News

Dehors del Bar Blanco, quattro assoluzioni

Il tribunale di Taranto
Il tribunale di Taranto

Quattro assoluzioni e una condanna parziale. Si è concluso con questa sentenza il processo sulle autorizzazioni rilasciate dal Comune di Taranto al noto Bar Blanco, in corso Italia, per l’allestimento di un dehors antistante l’attività commerciale, coperto e parzialmente chiuso.I fatti contestati risalgono al 2014. Sotto processo sono finiti il rappresentante legale della società cooperativa “Blanco”, Sebastiano Terracina, tre dirigenti del Comune di Taranto Marcello Vuozzo, Silvio Rufolo e Carmine Pisano (difeso dall’avvocato Patrizia Raciti) e il progettista Dario De Giorgi. Stando alla ricostruzione dell’accusa, le autorizzazioni sarebbero state rilasciate dagli uffici comunali in violazione delle norme e del regolamento del Comune in materia edilizia, consentendo al titolare dell’attività commerciale di mantenere la struttura già esistente e ritenuta, sempre dall’accusa, abusiva.

La tesi dell’accusa non ha retto alla prova dell’aula. Infatti, la Sezione penale del Tribunale di Taranto, in composizione collegiale (presidente Loredana Galasso, giudici a latere Federica Furio e Raffaele Maria Tronci), ha assolto gli imputati Terracina, Vuozzo, De Giorgi, Pisano, Rufolo, dall’imputazione di abuso d’ufficio in relazione al regolamento comunale “perché il fatto non è previsto dalla legge come reato” e in relazione alle norme edilizie “perché il fatto non costituisce reato”. Con formula analoga e “perché il fatto non sussiste” gli imputati sono stati assolti anche dal reato di aver occupato il suolo pubblico. Condannato a sei mesi, con sospensione della pena, soltanto il progettista per falsità ideologica. Le motivazioni saranno depositate fra 90 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche